campagna consapevoli oggi

Il preservativo

preservativiÈ il preservativo l’anticoncezionale preferito dai giovani italiani: lo utilizza il 61%. Andando nel dettaglio, l’80% dei maschi dai 18 ai 24 anni si protegge con il preservativo rispetto al 64% dei più grandi (25-35 anni). Anche tra le donne è il metodo più diffuso: lo usano il 60% tra i 18 e i 24 anni e il 51% tra i 25 e i 35 anni.

Quali sono i vantaggi di questo metodo contraccettivo? Sicuramente, tra tutti i metodi disponibili, è quello più facilmente reperibile, non necessita di ricetta medica e offre la migliore protezione contro il contagio da malattie sessualmente trasmissibili (ad es: AIDS, epatite C, sifilide, gonorrea, clamidia, herpes, etc…). Inoltre, può essere utilizzato nel momento in cui serve, è quindi molto utile nel caso di rapporti occasionali. Nonostante i tanti vantaggi del preservativo, ci sono ancora alcune resistenze ad utilizzarlo.

Il problema principale, sul piano psicologico, è dovuto all’ansia causata dal timore di perdere l’erezione nell’atto di indossare il profilattico prima del rapporto. Questo timore può però essere affrontato e risolto, o perlomeno ridotto, laddove la partner collabori fattivamente all’uso del profilattico, aiutando il partner ad indossarlo, trasformando questa fase del rapporto in uno dei preliminari. In alcuni casi, potrebbero esserci delle resistenze legate al proprio credo religioso oppure al costo dei preservativi. Molti uomini, in particolare, denunciano l’alterazione delle sensazioni di piacere durante il rapporto. Se usato correttamente, fin dall’inizio e per tutta la durata del rapporto sessuale, il profilattico impedisce l’eventuale fecondazione.

Può succedere che durante l’atto il preservativo si sposti o si sifli, l’importante è che, se questo avviene dopo  l’eiaculazione,  lo sperma non entri in contatto diretto con le parti intime interne della donna. È molto importante, per non aumentare le possibilità di rottura del preservativo, che lo stesso sia conservato in condizioni ambientali e di temperatura normali, è quindi sconsigliato tenerlo in tasca o nel portafoglio. Dopo il rapporto è consigliabile controllare se vi sono delle lesioni sulla superficie del profilattico (ed esempio si può riempire con l’acqua), perchè anche una piccola parte di liquido seminale potrebbe fecondare la donna. Il preservativo è solo uno dei tanti metodi in commercio, ognuno può scegliere quello più adatto alle proprie esigenze e preferenze, magari facendosi guidare da un medico o un ginecologo, e sicuramente parlandone con il/la partner.