regione lazio

Regione Lazio firma protocollo sull’apprendistato con Ordine dei consulenti del lavoro

Roma – Favorire l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, anche grazie alla valorizzazione del ruolo dei consulenti del lavoro. E’ con questo obiettivo che l’assessore regionale al Lavoro, Pari opportunita’ e Personale Lucia Valente ha sottoscritto nel pomeriggio un protocollo con Adalberto Bertucci Presidente dell’Ordine dei consulenti del lavoro del consiglio provinciale di Roma per il rilancio dell’apprendistato di primo livello. Con questo protocollo i consulenti dell’ordine provinciale di Roma si impegnano a promuovere nelle imprese il contratto di Apprendistato. Quest’ultimo e’ un contratto a tempo indeterminato, fortemente agevolato, per i giovani dai 15 ai 25 anni che consente loro di studiare lavorando.

“L’Ordine dei Consulenti del Lavoro- ha detto l’assessore Valente- ha un ruolo strategico e un compito fondamentale: quello di creare un ponte tra mondo della scuola e mondo del lavoro, favorendo la compilazione del piano formativo individuale che consente all’istituto scolastico di rispondere al fabbisogno dell’impresa. Il tasso di disoccupazione giovanile e’ ancora troppo alto, pertanto occorre anticipare l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro secondo le migliori esperienza europee; per questo l’Apprendistato di I livello costituisce uno strumento strategico per lo sviluppo del sistema duale”. Questo strumento permette ai ragazzi, gia’ durante gli ultimi anni di scuola, di passare alcuni giorni della settimana nelle aziende; gli studenti, mentre studiano, ricevono cosi’ una formazione sul campo, vengono inseriti nelle dinamiche lavorative e acquisiscono preziose conoscenze, abilita’ e competenze.

“I consulenti del lavoro- ha evidenziato il Presidente Adalberto Bertucci- sono da sempre in prima linea per la promozione del lavoro nelle regole. L’apprendistato, e specificatamente quello di primo livello, costituisce la leva primaria per consentire il primo impiego dei giovani che in questo momento tanto soffrono per l’assenza di lavoro, il protocollo sottoscritto oggi e’ volto alla diffusione di questa tipologia contrattuale che troppo spesso, anche a causa del mutevole impianto normativo, e’ stata considerata troppo complicata per essere utilizzata. Evidenzieremo, attraverso momenti formativi ed informativi, come aprire le porte dell’impresa a studenti che si affacciano al mercato del lavoro costituisca una grandissima opportunita’ per i ragazzi ma anche per le imprese che con costi decisamente contenuti possono inserire nuove leve caratterizzando il loro processo formativo a tutta utilita’ della produttivita’ e della fidelizzazione della forza lavoro”. Gia’ dalle prossime settimane i consulenti del lavoro organizzeranno incontri e seminari che illustreranno i vantaggi normativi, retributivi e fiscali per le imprese.