regione lazio

Scuola, la Regione Lazio la vuole in 3D

Roma – Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e il vicepresidente con delega alla Scuola, Massimiliano Smeriglio hanno presentato il progetto ‘Scuola 3D’ e consegnato il primo kit all’Istituto Amaldi di Tor Bella Monaca. Insieme a loro presente anche l’ad di Tim, Flavio Cattaneo.

Il progetto prevede la fornitura alle circa 250 scuole superiori di secondo grado del Lazio di una stampante 3D, uno scanner 3D, e complessivamente, oltre 6mila tablet, che la Regione ha acquistato da Tim aderendo a convenzioni Consip.

Nell’ambito del progetto e’ prevista anche una piattaforma software mobile che sara’ accessibile sia tramite i device forniti, che da quelli personali e distribuisce, tra le altre cose, ebook liberamente consultabili, modelli per la stampa 3D e risorse didattiche per il miglior utilizzo dell’hardware disponibile per l’iniziativa. La piattaforma e’ composta da un portale di accesso unico per tutti i partecipanti (docenti, studenti, personale non docente degli istituti scolastici).

“Parte da Tor Bella Monaca la consegna delle stampanti 3D nelle scuole di tutto il Lazio. Noi portiamo in tutte le scuole la moderna tecnologia per dare un’opportunita’ agli studenti al di la’ della condizione familiare o del luogo geografico in cui vivono. Fare questo significa portare un po’ di giustizia alle famiglie della nostra regione”. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, al termine della presentazione. “Noi vogliamo essere, nel nome della giustizia, promotori di questo progetto che e’ il primo in Italia- ha aggiunto- e il Lazio e’ la prima regione italiana che avra’ in due mesi le scuole dotate di questa moderna tecnologia”.

“Mettere al centro le periferie e la scuola pubblica non si fa a chiacchiere ma portando opportunita’ e scegliendo di presentare un progetto cosi’ importante e innovativo, il piu’ avanzato in Italia su nuove tecnologie e nuove piattaforme digitali, a Tor Bella Monaca, potenziando questo luogo di cultura e di socializzazione in un quartiere che ha tanti problemi” – ha dichiarato il vicepresidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio. Sono 256 kit per 3 milioni di spesa, entro il 20 dicembre li consegneremo in 200 scuole della nostra Regione- ha spiegato Smeriglio- Una strumentazione che significa una spesa di circa 12-15.000 euro a scuola, una grande opportunita’ per i ragazzi per misurarsi con la creativita’ e il talento e di farlo in connessione, non solo in competizione ma in cooperazione con i loro colleghi di Viterbo e di Latina, attraverso una piattaforma in cui i progetti innovativi possono essere condivisi. Anche questo e’ un grande messaggio: si sta al mondo e si cresce se lo si fa tutti insieme”.