regione lazio

Spettacoli dal vivo, arte e musica. É ‘L’estate della Regione Lazio’

Roma – Una serie di eventi, spettacoli dal vivo e programmi culturali per tutta la durata dei mesi estivi in tutta la regione Lazio. Gran parte dei quali, nelle aree colpite dal sisma lo scorso anno.

É ‘L’estate della Regione Lazio’ presentata oggi, all’hub Moby Dick di Garbatella, dal governatore Nicola Zingaretti e dall’assessore alla Cultura Lidia Ravera, insieme a Carlo Fuortes, sovrintendente della Fondazione Teatro dell’Opera di Roma, e Jose’ R. Dosal, amministratore delegato Fondazione Musica per Roma.

Con il fondo unico 2017 sullo spettacolo dal vivo di due milioni di euro rivolto a festival, rassegne, produzioni, ensemble e circuiti del Lazio, la Giunta finanzia 38 festival di spettacolo dal vivo (musica, teatro, danza) distribuiti nelle province di Frosinone, Rieti, Latina, Viterbo e Roma. Oltre venti i festival nella Capitale.

Tra questi, Spring Attitude, Rome Jazz Festival, Dominio Pubblico, MArteLive, Le Vie dei Festival, Tbm Tor Bella Monaca Danza. Ventiquattro festival si svolgono nella stagione estiva tra cui Teatri di Pietra, Etruria Eco Festival, Cassino Off. Il nuovo avviso per le domande relative al 2018 e’ aperto e scade il 30 giugno. Questi alcuni degli eventi principali: martedi’ 8 luglio ad Amatrice si terra’ la prima tappa delle tourne’e di Don Giovanni! OperaCamion con un nuovo allestimento curato dal Teatro dell’Opera di Roma che portera’ la celebre opera mozartiana anche ad Alatri (11 luglio), a Frascati (13 luglio) e a Leonessa (15 luglio); Giovedi’ 29 giugno all’Auditorium PDM la ‘Notte della saltarella amatriciana’ dell’Orchestra popolare italiana diretta da Ambrogio Sparagna inaugurera’ il progetto ‘Saltarella, la nostra terra che balla!’.

A partire da venerdi’ 21 luglio con il Coro dell’Accademia di Santa Cecilia sara’ di scena a Villa Adriana: la Fondazione Musica per Roma grazie al progetto Patrimonio in Musica portera’ i protagonisti della grande musica nei luoghi magici del patrimonio Unesco del Lazio: da Villa Adriana a Tivoli alle Necropoli di Tarquinia e Cerveteri. E ancora, con un nuovo bando di 600mila euro, la Regione Lazio sostiene lo spettacolo dal vivo nelle aree del patrimonio culturale tra cui le Citta’ dell’Etruria (sito Unesco Necropoli etrusche di Cerveteri-Tarquinia, Parco archeologico di Vulci, i siti di Pirgy e Veio), le Ville di Tivoli (siti Unesco Villa Adriana e Villa D’Este, Villa Gregoriana e Santuario di Ercole vincitore), Citta’ di Fondazione, Cammini della spiritualita’ (tratti laziali della Via Francigena, del Cammino di Francesco e del Cammino di San Benedetto), Sistema di Ostia Antica e Fiumicino, Sistema della Via Appia Antica. Con un altro da 100mila euro, infine, la Regione Lazio sostiene la realizzazione di iniziative di spettacolo dal vivo (musica, teatro, danza) dedicato ai comuni delle aree del cratere del terremoto: Accumoli, Amatrice, Antrodoco, Borbona, Borgo Velino, Cantalice, Castel S.Angelo, Cittaducale, Cittareale, Leonessa, Micigliano Poggio Bustone, Posta, Rieti e Rivodutri.

“Quarant’anni fa Roma parlava al mondo attraverso l’estate romana. Renato Nicolini lancio’ questa grande sfida e dopo 40 anni la cultura romana o italiana, e in parte addirittura europea, e’ segnata da questa intelligente idea di promuovere la cultura nelle strade e nelle piazze. Quarant’anni dopo noi lanciamo questa sfida dell’estate della Regione Lazio, come omaggio a questa ricorrenza di 40 anni”. Cosi’ il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “Quello che vogliamo- ha aggiunto Zingaretti- e’ anche riproporre un’idea: quindi sosteniamo 300 eventi in tutti i comuni della regione, richiamando a raccolta il tessuto culturale di tutta la regione. E insieme all’Atc, al teatro dell’opera e l’Auditorium di Roma, portiamo in alcuni comuni del Lazio i grandi eventi culturali”. Tra questi, il festival di Tivoli o la necropoli della Banditaccia a Cervetri: “Due luoghi meravigliosi del Lazio riempiti di contenuti culturali, o Opera camion, questa esperienza bellissima che con il Don Giovanni portera’ l’Opera anche l’8 luglio ad Amatrice a Leonessa, ad Alatri e in altre citta’ della nostra regione. Oggi parte un’esperienza, non solo un cartellone estivo ma un’idea di fruizione delle citta’ attraverso la presenza della cultura nelle strade e nelle piazze”, ha concluso il presidente della Regione Lazio.