regione lazio

Rosati: “Sforzo per giovani e lavoro, anche come Arsial”

Roma – “La Regione sta facendo uno sforzo enorme sia sul piano della formazione sia sul campo dei giovani in Italia e all’estero. Questo e’ il tentativo di vincere la cultura della paura e dare un po’ di fiducia ai nostri ragazzi”. Lo ha detto l’amministratore unico di Arsial, Antonio Rosati, a margine della tavola rotonda dedicata al tema giovani e lavoro, al centro Frentani di Roma, dove sta avendo luogo la XVI edizione di ‘Brain at work’, career day dedicato ai giovani laureati. “Questa iniziativa ha una sua forza e originalita’ perche’ mette concretamente insieme aziende e imprese, anche agroindustriali, con ragazzi e ragazze, per cercare di farli avvicinare in maniera concreta e tangibile, dicendo quali sono le offerte di lavoro”, ha spiegato Rosati. “Perche e’ il vero problema italiano: il 39% dei giovani non trova lavoro. Questa iniziativa, che la Regione e noi come Arsial sosteniamo, e che anche ieri ha avuto un grandissimo eco, vuole far incontrare questi due mondi. Anche rispetto al Jobs act che e’ stata una riforma importante. Non dimentichiamo che la seconda gamba, quella della formazione e di una ipotesi di lavoro entro sei mesi, deve essere del tutto realizzata”.