regione lazio

8 marzo. Visini: raddoppiati centri antiviolenza

Roma –  Centri antiviolenza raddoppiati, assistenza alle donne in difficolta’ e 10mila nuovi posti negli asili nido entro il 2020. L’assessore alle Politiche sociali della Regione Lazio, Rita Visini, e’ intervenuta durante il convegno ‘Ieri, oggi e domani: storie di vita’, a Roma al Tempio di Adriano, organizzato dalla Cciaa in occasione dell’8 marzo.

“Come Politiche sociali abbiamo lavorato su tre assi fondamentali- ha spiegato- Da una parte l’empowerment femminile attraverso progetti di inclusione sociale, in particolare sull’investimento e lo sviluppo dell’imprenditoria femminile. Dall’altra parte ampliando i servizi alla famiglia e alla prima infanzia. Stiamo lavorando all’aumento degli asili nido. Moltissimo investiamo attraverso i fondi europei, circa 54milioni. Da qui al 2020 aggiungeremo 10mila posti negli asili. Questo perche’ quando una donna ha una gravidanza o un neonato molto spesso e’ costretta a lasciare il lavoro o addirittura viene licenziata. Quindi noi aumentando i servizi cerchiamo di favorire l’occupazione femminile. Infine abbiamo sviluppato e implementato la rete dei servizi contro la violenza sulle donne. Il Lazio in questo era molto carente, avevamo due province sprovviste di questi servizi, Rieti e Viterbo. In questi anni abbiamo raddoppiato i centri antiviolenza. Da 19 siamo arrivati a 38. Abbiamo aumentato le case rifugio. E soprattutto le case per la semi-autonomia: quando una donna, spesso con bambini, e’ costretta a rifugiarsi, a scappare, la cosa fondamentale e’ rimetterla in carreggiata. Le case della semi-autonomia sono un passaggio fondamentale per la piena indipendenza”.