regione lazio

Zingaretti consegna kit 3D e materiali sportivi all’Istituto Pacifici e De Magistris

Roma – Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha incontrato questa mattina gli studenti dell’Istituto Pacifici e De Magistris di Sezze, in provincia di Latina, in occasione della consegna del kit del progetto ‘Scuola 3D’. Agli studenti di Sezze sonostati messi a disposizione una nuova stampante e uno scanner 3D oltre a 15 tablet. In totale, tra la fine del 2016 e i primi mesi del 2017, sono stati consegnati circa 200 kit in altrettante scuole di tutto il Lazio.

Parallelamente la Regione ha promosso l’iniziativa ‘Scuola di squadra’ con l’obiettivo di dotare tutti gli Istituti dell’attrezzatura necessaria a svolgere attivita’ sportive. La Regione Lazio ha inviato ad ogni istituto un questionario da compilare con a scelta 153 tipologie di attrezzature per 20 discipline sportive. In base alle richieste si e’ provveduto alla consegna del materiale necessario.

Tra gli articoli piu’ richiesti: i palloni per pallavolo, le racchette da ping pong, i tappetini pieghevoli, le funicelle bilanciate, le palline da ping pong regolamentari, gli elastici larghi, i palloni da gara per calcetto, i coni alti con fori e i completi da pallavolo.

Oggi portiamo in questa scuola i kit sportivi e la stampante 3d- ha detto Zingaretti- in Italia c’e’ l’immenso problema di ragazzi che pagano errori non loro, l’Italia e’ piena di debiti, ma non e’ giusto che li paghi chi non c’entra nulla. Abbiamo per questo pensato a costruire politiche rivolte a chi non ha colpe e verso chi rappresenta il futuro. Non abbiamo oro e petrolio, l’unica risorsa e’ mettere in campo una nuova generazione che puo’ farsi strada. Per questo abbiamo deciso di portare le stampanti 3d in tutte le scuole del Lazio. In Cina, in Usa, in Russia e’ gia’ cosi’: e’ un modo di anticipare il futuro e creare nuove possibilita’”. “Poi c’e’ il progetto ‘Scuola di squadra’- ha aggiunto Zingaretti- grazie a uno stanziamento di un milione abbiamo chiesto alle scuole del Lazio di cosa avessero bisogno. Vogliamo riempire le citta’ di conoscenza, perche’ le citta’ sono piu’ pericolose se non c’e’ comunita’. Bisogna creare comunita’ anche con esperienze sportive. La Regione non si e’ dimenticata che lo sport e’ un diritto di tutti”.