esperti

Argomento:

Non sopporto pi� i miei genitori e penso seriamente che abbiano una pessima concezione della vita…

Non sopporto più i miei genitori e penso seriamente che abbiano una pessima concezione della vita, insomma secondo me non sono persone da stimare.
Il fatto è che sono quel genere di persone che ‘predicano bene ma razzolano male’, nel senso che mi hanno insegnato a non crearmi pregiudizi e a non criticare le altre persone, ma loro sono i primi. Non fanno altro che sgridarmi, offendermi, farmi delle prediche lunghissime anche su una minima cosa per esempio si lamentano che sto parecchio tempo sul computer, ma loro non capiscono che io sto davanti al pc proprio perchè non mi piace stare in famiglia dato che c’è un brutto clima. Quando faccio una cosa buona non ci fanno nemmeno caso, mi dicono che sono priva di interessi (cosa non vera) ed altre lamentele. Davvero io non ce la faccio più, la famiglia dovrebbe essere la prima a sostenermi ma nel mio caso è la prima a crearmi ostacoli e ansie.,

Cara Adele,
capiamo che alla tua età non sia facile capire e gestire il mondo degli adulti, specialmente quando si tratta dei propri genitori!
Quello che tu metti in discussione del loro modo di pensare e agire, probabilmente è un tentativo, inconsapevole, di prendere le distanze e di trovare la tua identità; viceversa, quello che loro criticano di te, è un timido modo per non perdere il controllo della propria genitorialità su di te.
Il punto è proprio questo: in un momento di grande cambiamenti, è necessario fare degli aggiustamenti reciproci perché il rapporto figli-genitori sta subendo una trasformazione, necessaria ma “spaventosa”. Allora, invece di rifugiarti dietro allo schermo di un computer, perché non parli con loro e, in un momento in cui non siete arrabbiati, gli dici come ti senti e cosa provi?
Siamo certi che i tuoi capiranno e saranno felici di sentirsi presi in considerazione, perché alla base, in definitiva, c’è un profondo affetto reciproco. Capiamo che non sia facile, ma ti chiediamo solo di vedere la cosa con occhi nuovi e di fare un tentativo.
Facci sapere cosa succede…
Un caro saluto!,Adele, 14 anni,19-11-2012,Relazioni familiari