esperti

Argomento:

Certe volte ci piango anche per i litigi che faccio con mia mamma…

22-11-2012,Relazioni familiari,Ciao,
ho un problema con mia mamma… certe volte piango per i litigi che facciamo. Non riesco più a sopportare di litigare con lei perchè in fin dei conti è mia mamma e c’é da piangere per queste cose almeno credo. I nostri litigi sono tipo: Ilaria spegni questo computer, riordina la tua stanza, fai i compiti invece di stare al computer, non puoi uscire devi rimanere a casa ecc. Bhe! devo dire che sono più di quattro anni… non so come finire questa situazione, è più forte di me litigare con lei. Potresti aiutarmi?
,Ilaria, 14 anni,

Cara Ilaria,
crea sempre un certo dispiacere sentire che una ragazza così giovane soffra nel rapporto con gli affetti più cari. Può succedere… e se ti è capitato di condividere questo tuo problema con gli amici ti sarai resa conto che è facile che anche i tuoi coetanei abbiano problemi in questo senso. Questo accade perchè durante l’adolescenza si combatte tra due forze contrastanti: il desiderio di diventare adulti e autonomi e, dall’altra parte, il bisogno di avere ancora la protezione degli affetti più cari. Ognuno fa questa battaglia con se stesso in un modo diverso, con gli strumenti che possiede e con i propri tempi. Il protrarsi del conflitto con i genitori, così come l’hai descritto tu, può creare un forte disagio, con la sensazione di non essere capiti e ascoltati. Forse è arrivato il momento, nel tuo caso, di cercare un incontro autentico con mamma, quel momento unico di condivisione in cui tu possa dire le stesse cose che hai detto a noi nella tua mail, comprese le tue emozioni e il dispiacere che provi nel litigare con lei. È importante però che tu cerchi questo confronto non durante un litigio, ma in un momento di calma e in cui tu senti di poterti aprire con lei. In altre parole: forse è arrivato il momento di parlare con mamma di quello che ti fa male e che ti manca nel rapporto con lei, cercando di capire il suo punto di vista, cercando di andare oltre la pulizia della stanza, il computer o altro, e facendo entrambe uno sforzo di apertura reciproca che potrebbe portare ad esprimere meglio quanto bene vi volete.
Nella speranza di esserti stati d’aiuto, ti facciamo un grosso in bocca la lupo! Scrivici se hai bisogno di noi o per farci sapere come va e, se è presente nella tua scuola, rivolgiti allo sportello d’ascolto per spiegare più approfonditamente la tua situazione.
Cari saluti!