esperti

In poche parole mi sento stanco…

Salve, ho visto il vostro sito e ho voluto provare a fare una domanda o comunque a raccontare un po’ la mia situazione. In poche parole mi sento stanco,sono arrivato all’ultimo anno di giurisprudenza riuscendo tra alti e bassi a concludere quasi tutti gli esami, anche se pur di riuscire a laurearmi in tempi brevi ho dovuto sacrificare un po’ la media. Non lavorando sono mantenuto dai miei e, sia per questo che per un fatto personale, ho preferito sforzarmi al massimo per farlo il prima possibile. Ora però mi sento svuotato e senza energie, non me ve va una dritta e sembra ci siano difficoltà su difficoltà ed imprevisti ovunque anche se do il massimo e non dipendono da me. I miei famigliari pensano che stia diventando un po’ depresso e cominciano a preoccuparsi, io non mi sento depresso ma stanco e stufo di tutto. Sembra non ci sia una fine e non ne posso più. Anche studiare è diventato difficile e sto rallentando molto con gli esami;sarà che sono stanco ma ora tutta la fatica che ho fatto per darmi una mossa sembra non essere servita a niente e mi pento della media raggiunta in questi anni. Non riesco più ad avere soddisfazioni, magari riesco a fare un po’ di ore senza pensarci ma poi all’improvviso mi rabbuio perchè mi viene in mente la mia situazione. Sarò egoista perchè c’è chi sta mille volte peggio di me, però mi sento davvero stanco. Possibile che soffra di un inizio di depressione o simili?
Grazie per l’ascolto
,

Caro Giovanni,
è frequente sentire tanta stanchezza dopo un lungo periodo di stress e tensione, inoltre l’avvicinarsi della fine degli studi porta con sé un momento di riflessione profonda sul proprio futuro, è un passaggio di vita importante che proietta nel mondo adulto. Tutto ciò può spaventare e inconsapevolmente spingere a rallentare il corso delle cose.
Dalle tue parole ci sembra di capire che la dipendenza economica dai tuoi genitori suscita in te sensi di colpa difficili da sostenere e che ti hanno spinto a sacrificare te stesso. Perdere di vista se stessi rischia di creare smarrimento. Potrebbe esserti d’aiuto riscoprire momenti solo tuoi, coltivare interessi ed hobby attraverso i quali ricontattare quelle parti più profonde e vere di te. Questo ti porterà ad apprezzare gli sforzi fatti finora e a concludere con soddisfazione il percorso di studi. Speriamo di esserti stati d’aiuto, torna a scriverci quando vuoi.
Un caro saluto e buone feste!
,Giovanni, 24 anni,23-12-2014,Disagio emotivo e/o psicologico,depressione