esperti

Una ragazza mia coetanea che conosco da tempo mi contatta tramite un social…

Salve, ho da raccontarvi un episodio.
Negli ultimi tempi una ragazza mia coetanea che conosco da tempo ma con la quale non ho avuto modo di conoscermi in modo approfondito bensì solo superficiale, mi contatta tramite un social network. Con la scusa della scuola e dei relativi risultati comincia un dialogo piacevole soprattutto scolastico. Nei giorni seguenti rimaniamo in contatto ma la situazione cambia: lei non espressamente ma in modo indiretto sembra quasi dichiararsi più volte, io cerco di rimanere sull’amicizia finché un giorno, mentre scherzavamo e lei "ci prova" di nuovo, io le dico in modo molto indiretto che vorrei rimanere in amicizia e non andare oltre. Lei all’inizio non la prende bene perché si crede che io non abbia alcun interesse nei suoi confronti (anche solo di amicizia) ma poi si ritorna a dialogare e scherzare. Con il passare del tempo mi sto sempre più legando a lei e ho paura di non farne più a meno, cosa che già mi succede.
Premetto che io sono un ragazzo alto, robusto e certamente non brutto, lei è bassa ma non brutta. Insomma senza girarci troppo intorno mi potrei permettere forse qualcosa in più (e non sono affatto presuntuoso o altro!) però sono confuso perché da un lato sono spinto a contattarla perché mi fa tanto piacere sentirla, dall’altra c’è questo pensiero. Vorrei una vostra opinione. Grazie,

Caro Francesco,
da quello che ci scrivi ci sembra di capire che in questo rapporto ci sia molta sintonia e intesa, riuscite ad aprirvi, a scherzare insieme e a trovare uno spazio di condivisione in cui magari non c’è giudizio, ma anzi siete liberi di esprimervi. Queste possono essere le premesse sia per una profonda amicizia, che per un rapporto d’amore.
Un rapporto di coppia è fatto di molteplici sfaccettature, ci devono essere rispetto, intesa, fiducia, ironia ma anche attrazione. Deve piacerti! Non pensiamo ci sia uno standard fisico preciso che condiziona i rapporti; è invece importante che le due persone si incontrino e si scelgano per quelle che sono, senza vivere un disagio. Il rapporto si costruisce poi nel tempo, si affina, diventa sempre più solido passando a volte anche in momenti di crisi che diventano momenti di passaggio, in cui facciamo sempre più chiarezza su cosa davvero vogliamo.
A volte capita di appoggiarsi alla necessità di avere un porto sicuro, perché abbiamo bisogno di sapere che qualcuno può condividere con noi la quotidianità, e anche l’inevitabile senso di solitudine. Non possiamo darti una soluzione rispetto i sentimenti contrapposti che ci descrivi, ma possiamo suggerirti di riflettere su quanto a volte la paura della solitudine, di perdere punti stabili, ma anche la paura del giudizio degli altri ci inibisce e ci incastra in sensazioni e sentimenti che non sono autentici. Se provi ad ascoltare davvero quali sono le tue emozioni, i tuoi desideri, le tue esigenze senza condizionamenti esterni forse riuscirai a fare maggiore chiarezza.
Se ti fa piacere facci sapere come evolvono le cose.
Un caro saluto!,Francesco, 21 anni,13-07-2015,Relazioni di amicizia