esperti

Argomento:

Se il mio ragazzo continua a fare un uso sporadico di cannabis…

Grazie mille per la risposta, siete molto di aiuto e mi fate sentire meglio.
Volevo chiedervi anche un’altra cosa: se il mio ragazzo continua a farne un uno sporadico come ora, avrà conseguenze a livello mentale, cerebrale sicuramente?

,

Cara Federica,
siamo felici di esserti stati d’aiuto e che ci continui a scrivere. Rispetto alla tua domanda non sappiamo esattamente cosa tu intendi per conseguenze "mentali", ma ti può essere utile sapere che solitamente le "canne" contengono hashish e marijuana che sono sostante psicoattive prodotte dalla cannabis. Il principio farmocologicamente attivo della cannabis è il THC. Esso si lega ai recettori cerebrali ed ha effetti sulla psiche. Tali effetti  dipendono da diversi fattori quali la frequenza del consumo, la quantità, il peso e il sesso (maschi e femmine hanno reazioni diverse). Gli effetti fisiologici possono essere suddivisi in breve e lungo termine.
Nel primo caso si segnala tachicardia, vasodilatazione, aumento della salivazione e della sensazione di fame, irritazione delle congiuntive (i classici occhi arrossati costituiscono uno dei principali segni esteriori del consumo, insieme al tipico atteggiamento fatuo), riduzione dei tempi di reazione, incertezza nell’equilibrio e nel coordinamento psico-motorio; possono anche verificarsi episodi di cefalea e di tosse. A lungo termine possono verificarsi alterazioni del sonno, della memoria, dell’attenzione, delle abilità cognitive e anche alterazioni immunologiche. Un abuso continuo e protatto di tali sostanze può indurre dipendenza, con tutte le conseguenze negative a livello fisico e sociale che ne derivano.
In definitiva l’unico modo per non incorrere in conseguenze negative è non far uso di sostanze stupefacenti, minore è il consumo minore sarà la possibilità di incorrere in problemi futuri.
Torna a scriverci quando vuoi.
Un caro saluto!

,Federica, 18 anni,08-09-2015,Uso e abuso di…