esperti

Mi sento completamente sola…

Gentilissimi,
Mi piace molto questo sito perchè permette a tutti di esprimere un’opinione sulla loro vita. Vorrei parlare di quello che mi sta succedendo in questo periodo. Mi sento completamente sola, e i pochi amici che ho non sono veri, non so se mi spiego. Avrei bisogno di amici e di persone che mi sostengono, ma mi sento sempre derisa e mi ritrovo ogni giorno a piangere sul mio cuscino. Cosa devo fare e come mi devo comportare? Certe volte ascolto anche musica abbastanza triste per piangere e sfogarmi, ma mi sento sempre peggio.
Grazie

,

Cara Francesca,
siamo lieti che il nostro sito riesca a venire incontro alle tue esigenze e a quelle degli altri ragazzi che ci scrivono.
Ci dispiace leggere di questo tuo periodo difficile, perché quando pensiamo ad una ragazza giovane come te immaginiamo la spensieratezza che dovrebbe caratterizzare questa fase della vita.
Tuttavia siamo consapevoli delle criticità che appartengono all’adolescenza e delle difficoltà relazionali che ne derivano.
Il bisogno di essere supportata è lecito e il fatto che tu ti senta derisa ci fa arrivare  il disagio che vivi rispetto al rapporto con gli altri.
Tuttavia vogliamo porre la tua attenzione sul fatto che spesso le insicurezze e le fragilità che abbiamo ci fanno percepire un atteggiamento critico da parte degli altri che in realtà appartiene più ad una nostra condizione piuttosto che a una mal disposizione nei nostri confronti da parte del mondo esterno. Per questo ti consigliamo di non chiuderti  al confronto e di non perdere la fiducia negli amici che hai per paura di andare in pezzi perché un incontro non è sempre uno scontro ed ha bisogno di un tempo di maturazione in cui bisogna necessariamente stare nell’incertezza.
Quando si vive uno stato emotivo tormentato è facile voler ricercare anche all’esterno la stessa negatività che ci portiamo dentro, è come se ci aiutasse ad esternare il malessere che sperimentiamo. La sofferenza è un sentimento fondamentale e complementare alla felicità che ci aiuta ad avere una maggiore sensibilità e a vivere più intensamente le esperienze, per cui non è utile allontanarla o evitarla. Questa però dovrebbe essere presa come una fase transitoria in cui metabolizzare gli aspetti melanconici e negativi per poi ripartire , maturare una nuova consapevolezza e una nuova energia.
Speriamo di esserti stati d’aiuto, torna a scriverci quando vuoi.
Un caro saluto!
,Francesca, 15 anni,18-11-2015,relazioni di amicizia