esperti

Argomento:

Una mattina improvvisamente dal nulla mi faccio venire l’ansia di non amarlo più…

Salve,
vi scrivo perché sono tormentata ormai da tempo da diversi pensieri. È qualche anno che soffro di ansia in generale, in particolare da circa un anno e mezzo soffro di ansia costante riguardante il mio ragazzo (con cui appunto sto da un anno e mezzo). Queste ansie hanno sempre riguardato la paura che potesse finire, che potesse pensare alla ex, che potesse innamorarsi di un’altra, che potesse lasciarmi per i miei difetti, e altre cose di questo genere, sempre legate alla forte paura di perderlo. Ormai alcuni pensieri erano diventati vere e proprie ossessioni, soprattutto da quando una ragazza ci ha provato con lui e lui ci parlava per messaggio: ero ossessionata da lei, ogni giorno avevo l’ansia e ogni cosa mi faceva pensare a lui e lei assieme. Tutto questo fino a quando una mattina improvvisamente dal nulla mi faccio venire l’ansia di non amarlo più, così senza motivo, quando fino alla sera prima il mio amore era al 100%. Da quel momento sono passate 2 settimane circa e sono stanca: ho talmente pensato a questa cosa che mi sento sfinita. Come è potuta accadere una vostra del genere se fino alla sera prima ero ossessiva gelosissima e innamoratissima? Ora è come se i sentimenti si fossero spenti, come se addirittura non fossi più gelosa. Capisco che non è possibile che dalla sera alla mattina si spengano dei sentimenti fortissimi, quindi mi chiedo se questo non sia stato un meccanismo di difesa: nel senso, è possibile che dopo mesi di ansie continue la mia mente non ce l’ha fatta più e ha adottato questo come meccanismo di difesa? Aiutatemi per favore

Francesca

Cara Francesca,
non sappiamo se sia un meccanismo di difesa adottato dalla tua mente per proteggerti dall’ansia o se siano i reali sentimenti che nutri nei confronti del tuo ragazzo, non lo sappiamo perché non ti conosciamo a sufficienza. Quello che ti possiamo dire è che l’ansia può creare molta confusione nelle persone che ne soffrono: sia sul piano emotivo che cognitivo, soprattutto se i livelli d’ansia sono elevati. Forse è proprio questo il tuo caso, per questo ti sconsigliamo di trarre delle conclusioni affrettate dalla confusione che stai vivendo. Invece per far luce e trovare dentro di te maggiore chiarezza, dovresti cercare di distaccarti dalla situazione che ti crea ansia e, con un pò di tranquillità, cercare di capire cosa sta succedendo. E’ ovvio che un lavoro del genere sarebbe più efficace se fatto con l’aiuto di uno Psicoterapeuta ma valuta tu forse puoi prima provare da sola e, se la situazione non si sblocca,  farti aiutare da un esperto.
Un caro saluto!