esperti

Argomento:

Il mio ciclo è regolare per due mesi, ma al terzo mese ritarda di una settimana e sento dolori allucinanti che mi portano anche a vomitare…

Salve, avrei un paio di domande da porre.
La prima è: il mio ciclo è regolare per due mesi, ma al terzo mese ritarda di una settimana e sento dolori allucinanti che mi portano anche a vomitare. Nei due mesi in cui sono regolari i dolori sono normali e sopportabili, ma il terzo mese che mi arriva svengo oppure vomito. E’ normale? E sopprattutto, dovrei limitarmi a prendere una medicina tipo momentdol, brufen ecc.. oppure è ora che mi faccia prescrivere una pillola o il cerotto anticoncezionale? Qual’è il procedimento per prendere l’una o l’altro? Un’altra domanda a livello psicologico è come sconfiggere ansia, nervoso, depressione… purtroppo ne soffro parecchio… Grazie,

Cara Anonima,
per poterti rispondere con maggiore chiarezza ci mancano alcuni dati: la tua età per esempio e se tale ciclicità nella dismennorea (mestruazione accompagnata da forti dolori al basso ventre) l’hai sempre avuta oppure se è arrivata successivamente. Esistono diverse cause per i dolori mestruali, alcune di queste possono essere fisiologiche, altre psicologiche. Infatti una causa può essere un’alta concentrazione di ormoni (prostaglandine) responsabili anche della nause e del vomito; nelle ragazze molto giovani può essere responsabile anche la muscolatura del collo dell’utero ancora rigida e che per questo si contrae maggiormente; ma tra i 25 e i 40 anni a causare la dismenorrea possono essere fattori come cisti ovariche, o altri problemi di tipo ginecologico.
Per ognuna di queste cause ci sono rimedi o cure diverse, è necessario dunque che tu chieda la consulenza di un ginecologo di tua fiducia che ti consigli sul da farsi.
Lo stesso vale per l’ansia, la depressione o il nervosismo di cui parli alla fine della tua mail. Sono sensazioni legate anch’esse al ciclo oppure ne soffri a prescindere dalle mestruazioni? L’ansia è un sintomo molto diffuso che deve allarmare quando diventa invalidante per la persona, ovvero nel momento in cui l’ansia compromette il normale svolgimento della vita e diventa predominante. A tale proposito ti invitiamo a riflettere e a prendere in considerazione l’opportunità di rivolgerti a uno psicoterapeuta, anche solo per una prima consulenza che possa aiutarti a capire di più del tuo nervosismo, della tua depressione e della tua ansia e soprattutto che ti aiuti a vivere più serenamente.
Siamo a tua disposizione per ulteriori informazioni, cari saluti!,Anonima,03-01-2011,Corpo e salute,ciclo e depressione