esperti

Argomento:

Perchè non riesco a lasciare il mio ragazzo?…

Salve, vi scrivo più che altro per ricevere un parere professionale.
Mi chiedo perchè non riesco a lasciare il mio ragazzo?
Spesso ci vado molto vicina ma alla fine finisco per sentirmi male e non lo lascio.
Vi ho già scritto parlando del fatto che vivevo un periodo di forte ansia, beh quel periodo è passato l’ansia è quasi del tutto sparita…Quello che è rimasto è solo una grande quantità di dubbi. Penso sempre che la mia relazione sia cambiata, che non sia come prima. Il mio ragazzo dice che è vero, che è cambiata ma in meglio perchè ora abbiamo un nostro equilibrio. Ma io invece continuo a pensare che i miei sentimenti siano spariti, in realtà PENSO che sia cosi ma le mie azioni dicono tutt’altro. Lui è a conoscenza di quello che sto passando ed è capitato più di una volta che in occasione di un sovraccarico di ansia da parte mia a lui è bastato dire tre parole per farmi passare tutte le ansie. Ovviamente lui soffre molto questa situazione, e più volte l’ho portato al limite rischiando che lui mi lasciasse ed ogni volta che succedeva io avevo un attacco di panico e in quei momenti quasi rinsavivo lasciando da parte tutte le mie paure e ansie ma poco dopo ricadevo nello stesso brutto circolo vizioso. Io non so che fare, non voglio costringerlo in questa relazione assurda ma non riesco a lasciarlo perchè non mi sembra la soluzione al mio problema. Vorrei solo capire dove sono i miei sentimenti, lui i nostri amici mi vedono sempre innamorata..io invece non riesco a vederlo forse perchè l’ansia oscura tutto e soffoca qualsiasi cosa buona. Stiamo insieme da un anno, e probabilmente ciò di cui ho paura è che possa finire perchè esperienze della mia vita mi hanno dimostrato che tutte le cose buone che mi capitano poi finiscono…a volte penso che mi stia solo autosabotando, solo per proteggermi da altro dolore.
Grazie l attenzione.
Rebecca, 21 anni

Cara Rebecca,
come ti abbiamo scritto nelle risposte precedenti in amore capire quale sia la strada giusta da intraprendere è molto difficile, e ci sembra che nonostante le molte rassicurazioni del tuo ragazzo rispetto alle tue paure, tu non ti senti ancora libera di affidarti all’altro.
Dalle tue email emerge il conflitto tra quanto “pensi” e quel che “fai”; come se separassi il corpo dall’anima, il pensiero dall’atto, la testa dal corpo. Talvolta operiamo queste scissioni nel tentativo di avere un falso controllo sulla realtà. Sarebbe bello poter controllare tutto, ma il mistero e l’indefinito fanno parte tanto della vita quando dell’amore.
Nei tuoi racconti ci sembra di scorgere,inoltre, anche il bisogno di comprendere meglio ciò che ti accade quando entri in relazione con l’altro, di capire quale parte di te è più autentica insomma di conoscerti meglio. Per questo riteniamo che possa davvero esserti utile consultare un esperto di persona, una persona come uno psicoterapeuta, che ti guidi all’interno di te stessa in modo che tu possa sviluppare strategie e conoscenza utili per venire fuori da questa fase di stallo. Facci sapere cosa ne pensi.
Un grande in bocca a lupo!