esperti

Argomento:

Sogno di fare a pezzi persone che amo…

Salve,ritengo di avere un problema.Sogno di fare a pezzi persone che amo,molte volte perdo il controllo nella realtà, diventando una vera e propria bestia,violenta,rabbiosa,che non sa ascoltare ne comprendere,questo natale è morto mio padre,ma sono sempre stato così.Ritengo di essere una brava persona,se qualcuno mi offende,lo ignoro,ne sono in grado,ma se offendono mia madre,o picchiano qualcuno di indifeso, tipo una donna,io,io impazzisco,divento un animale che non è in grado di distinguere cos’è il bene o il male,e ogni tanto,so che posso sembrare pazzo ma,sento delle voci in testa che dicono di far male o addirittura uccidere,una volta sognai di fare a pezzi me stesso,nel senso che c’era un altro me che mi faceva a pezzi, i particolari non li ricordo,questo è quanto
Giovanni, 14 anni

Caro Giovanni,
non è semplice interpretare l’attività onirica, perchè ci sono degli elementi che hanno un significato generalizzabile e assumono senso se contestualizzati e inseriti nella storia del sognatore.

Quindi riguardo al tuo sogno, possiamo fornirti solo degli spunti di riflessione e non una vera e propria interpretazione, perché non abbiamo elementi sulla tua storia personale.
Detto ciò ci sembra di capire che coesista in te una forte rabbia che si traduce spesso in immagini oniriche aggressive quali uccidere o fare a pezzi gli altri o te stesso.
Spesso quando tale intenso sentimento non trova espressione nella vita quotidiana attraverso la parola o altre forme espressive la nostra psiche diventa una sorta di pentola a pressione. Se la valvola che serve a far uscire il vapore non funziona il risultato è quello di una bella esplosione, quindi nel tuo caso la mancata elaborazione di questo sentimento crea una tensione interna che si esprime attraverso immagini, pensieri forti e a volte anche agiti: “diventi una bestia”. Passi dall’indifferenza all’incontrollabilità nel giro di poco e quello che sembra è che non ci sia una capacità di modulare l’aggressività.
Anche se tale condizione è precedente alla morte di tuo padre, sicuramente un evento così importante, in un ragazzo giovane come te, non facilita tale elaborazione, anzi quando si vive un lutto così presto è difficile trovarne un senso ed un’accettazione e questo genera un forte sentimento di rabbia che spesso diventa difficile da gestire.
Tuttavia ci sembra che tu abbia un buon senso critico e scrivere delle tue difficoltà esponendoti in prima persona fa di te un ragazzo riflessivo e con buone risorse. Proprio per questo pensiamo che sarebbe importante parlare con un esperto o qualcuno di cui ti fidi per poter elaborare e comprendere meglio questi pensierie questi vissuti.
Speriamo di esserti stati d’aiuto; torna a scriverci quando vuoi.
Un caro saluto!