giornalisti-in-erba

Le avventure di Pancio e Eroino!!!

 

Pancio, lasinello, camminava lentamente su per una stradicciola sassosa: era molto carico e il sole che batteva forte, gli rendeva ancor più difficile il cammino. Che stanchezzasospirava:-Non ne posso davvero più! Come mi piacerebbe stendermi su un mucchio di fieno e dormiredormire!Ma continuava a camminare sotto il sole. Lassù nella casetta cera Pietrone, il suo padrone che lo aspettava. Allimprovviso, nel silenzio si udì un batter dali e un uccellino si posò sul suo orecchio e gli chiese:-Dove sei diretto?

E Pancio l’asinello gli disse che era diretto alla casetta lassù in cima;e l’uccellino gli chiese:-“Vuoi venire alla ricerca di una avventura con me?”

Pancio l’asinello disse che aveva tanta voglia di venire ma il problema era che Pietrone il suo padrone non glielo avrebbe mai permesso.

L’uccellino gli disse che ora non c’era Pietrone e quindi se ne poteva andare;e Pancio se ne andò insieme all’uccellino.

Ad un certo punto l’uccellino e Pancio sentirono un rumore. L’uccellino andò a vedere che cos’era, e prima che potesse vedere, un serpente velenoso saltò fuori ma fortunatamente l’uccellino lo sconfisse.

Pancio, appena il serpente se ne era andato, vide l’uccellino con un’ala ferita Gliela curò e visto che era stato così coraggioso gli diede il nome di Eroino.

Pancio e Eroino camminavano in cerca di una nuova Terra e dopo mesi e mesi di cammino finalmente la trovarono. Pancio allora disse a Eroino:-“Io verrò qui ogni volta che Pietrone mi darà il permesso. Ma appena Pancio tornò tutto felice si accorse che Pietrone aveva comprato un altro asinello e si era scordato di lui.

Allora Pancio tornò in quel bellissimo posto e rimase lì per tutta la vita pensando ogni giorno a Pietrone.

Barbara Guglielmi

classe IVC I.C. Roiano-Gretta Trieste

scuola primaria U. Saba