Come ad uno scolaretto

Come a ‘nu scolaréttu

Scî tróppu bélla,
scî tróppu fîna
pe’ mmé, che so’ solu ‘n
contadi’ ‘gnorànte!

Tu scî jîta a la scôla,
scî studiato bê – e tàntu.
Tu scî ‘struita,
e parli cuscí bê
che a capìtte quasi
‘n me ‘cce stròvo!

Ma lu côre mio
me s’abbutùra
quanno che ‘tte vedo lègge,
tutta ‘ntenta a studia’
la lezio’ pe’ li frichí ‘ttua
de scôla:

me batte tantu,
come a ‘nu scolaréttu
che c’aësse ancora
da ‘mpara’ tuttu quantu
dell’amóre!

 

Come ad uno scolaretto

Sei troppo bella,
sei troppo fine
per me che sono solo
un contadino ignorante!

Sei andata a scuola
ed hai studiato bene – e molto.

Sei istruita, e parli tanto bene
che quasi non riesco a capirti!

Ma il cuore
mi s’aggroviglia
quando ti vedo leggere,
tutta intenta a studiare
la lezione per i tuoi ragazzini
di scuola:

mi batte tanto,
come ad uno scolaretto
che dovesse imparare
ancora tutto
dell’amore!
Raccontata dalla nonna a Cristina Pia che l’ha trascritta.

Cristina Pia, 3B, I. C. Via Bravetta Roma.