mondoscuola

Al liceo Mamiani di Roma la realtà virtuale contro le stragi del sabato sera

Roma – “Ecco, direi che cosi’ non mi metterei mai alla guida”. Matteo studente del liceo Mamiani di Roma si e’ appena spogliato degli strumenti che indossava durante l’esperimento, grazie a cui ha potuto toccare con mano le difficolta’ che si provano sotto l’effetto di sostanze alcoliche o stupefacenti. E all’agenzia Dire ha raccontato l’esperienza appena vissuta grazie al progetto realizzato dal suo liceo.

Aperta a tutti gli studenti, l’iniziativa ha l’obiettivo, spiega la dirigente scolastica Tiziana Sallusti, “di far capire ai ragazzi quanto sia pericoloso mettersi alla guida di un mezzo se non si e’ lucidi”. Grazie a speciali occhiali e sensori, posizionati in varie parti del corpo, gli alunni possono rendersi conto delle percezioni alterate: dalla vista ‘sdoppiata’ all’equilibrio precario, fino alla diminuzione della capacita’ di reazione. Un progetto che se da un lato vuole diffondere l’educazione stradale dall’altra abbraccia anche la tutela della salute e l’educazione civica.