giornalisti-in-erba

Alla fattoria dei ragazzi 4° incontro

Martedì 1° dicembre 2015 siamo andati nuovamente alla Fattoria dei Ragazzi. Appena arrivati ci siamo divisi in tre gruppi. Il primo gruppo é andato in cucina con Adriana, il secondo gruppo é andato nel salone con la maestra Cristina ed il terzo gruppo é andato nell’orto con nonno Giulio.
Noi del primo gruppo insieme con Adriana abbiamo preparato la pasta frolla per fare i biscotti di Natale. Abbiamo usato farina, uova, burro e zucchero. Ci siamo messi tutti intorno al tavolo di marmo, abbiamo osservato e pesato gli ingredienti e poi cominciato ad impastarli. Ogni tre bambini dovevamo fare un panetto di pastafrolla. Dapprima la farina ci sfuggiva da tutte le parti, le mani risultavano appiccicose, poi, piano piano siamo riusciti ad amalgamarla insieme al burro e allo zucchero. Il lavoro non é stato facile perché richiedeva attenzione e forza di braccia. Alla fine abbiamo messo i panetti in frigo perché la prossima volta faremo i biscotti per la festa di Natale. E’ stato un lavoro piacevole e divertente (1° gruppo cucina).
Noi siamo stati nel salone con la maestra Cristina per preparare i biscotti per l’aberello. Dopo esserci messi il grembiulino, ci siamo messi intorno al lungo tavolo e abbiamo cominciato ad impastare con la farina un pezzetto di pasta frolla già fatta. Poi l’abbiamo ben stesa con il mattarello e realizzato con delle formine dei biscotti. Il lavoro richiedeva attenzione perché occorreva fare una sfoglia non troppo sottile né troppo grossa e a volte si appiccicava sulla tovaglia se non c’era sufficiente farina. Ad ogni biscotto abbiamo fatto un buchino con uno stecchino e adagiato sulla teglia. La teglia piena di biscotti l’abbiamo messa in forno ben caldo per la cottura. Nell’aria si sentiva un buon odorino di dolce che faceva venire l’acquolina in bocca. Questi biscotti li appenderemo sull’alberello di Natale che faremo la prossima volta alla Fattoria (2° gruppo cucina).
Noi del terzo gruppo invece siamo stati nell’orto con Giulio. Ci siamo messi gli stivaletti perché il terreno era un po’ bagnato e ci siamo recati nell’orto. Giulio ci ha fatto vedere che i semini di orzo che avevamo seminato nel terzo incontro erano stati mangiati tutti dai piccioni e che quindi occorrerà riseminarli e a noi é dispiaciuto molto. Con i nostri rastrellini abbiamo preparato un altro pezzetto di orto perché la prossima volta semineremo i baccelli. Finito il lavoro nell’orto siamo andati nella serra a mettere l’acqua ai vasetti con le zucchine, poi abbiamo controllato la stazione meteo ed infine siamo andati a conoscere le nuove caprette nel recinto. Le caprette si chiamano Margherita e Viola come le precedenti e fino ad oggi, ci ha raccontato Giulio, si sono dimostrate sempre impaurite soprattutto quando si avvicinavano gli adulti. Invece appena ci siamo affacciati noi al recinto, le caprette si sono accostate quasi a farci un saluto e Giulio ne é stato felice perché ha detto che noi bambini sappiamo far miracoli anche con gli animali! (Gruppo orto)

Scuola primaria “G. Bechi” Firenze