mondoscuola

Alternanza scuola-lavoro, ad assemblea 2017 Cna siglata intesa con Miur

Roma – “Ormai non si puo’ parlare di industria 4.0 ma di impresa 4.0. Perche’ se non mettiamo le piccole e medie imprese dentro al processo di cambiamento noi non parliamo al Paese. Per questo diciamo si’ a voi e a quest’assemblea”. Cosi’ la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, durante l’assemblea elettiva 2017 della Cna a Roma.

L’assemblea, e’ stata occasione per la ministra e il presidente nazionale dell’associazione, Daniele Vaccarino, di firmare un protocollo d’intesa sull’alternanza scuola-lavoro che apre le porte delle imprese iscritte alla Cna agli studenti, e che impegna le imprese a promuovere un’alternanza di qualita’.

“L’alternanza scuola lavoro- ha aggiunto Fedeli- e’ il piu’ straordinario strumento contenuto nella legge 107 che unisce due elementi storicamente divisi: quello del sapere e quello del saper fare. Per questo io punto molto su questo protocollo e sulla disponibilita’ da parte vostra ad accogliere gli studenti”. Sempre rivolgendosi agli artigiani, Fedeli li ha definiti “la vera ossatura del Paese”. Coloro che sono stati in grado “di coniugare la capacita’ di salvaguardia e valorizzazione del made in Italy e di innovazione e cambiamento”. Cambiamento considerato dalla ministra, “non uguale a quello degli altri anni e che con il digitale fa cambiare il modo di apprendere”.