giornalisti-in-erba

Ancora più… Shazam!

 

Shazam, nata nel 1999 come una semplice applicazione di riconoscimento di musica è diventata nell’arco di poco tempo una delle app di maggior successo, utilizzata da milioni di persone in tutto il mondo. Presto Shazam sarà in grado di riconoscere, oltre alle canzoni, anche cibo e oggetti. Tra qualche anno c’è chi dice che sarà possibile, grazie a una serie di investimenti milionari e utilizzando fotocamera e app riconoscere perfino luoghi e monumenti attraverso la realtà aumentata, ma ancora non è stato svelato alcun dettaglio su come dovrebbe funzionare.
L’idea del team di Shazam, però, sembra sfidare Google. L’app di Google denominata Googles è già in grado di riconoscere gli oggetti tramite la fotocamera. Chiaramente non è interessante fotografare un computer o un bicchiere ma, ad esempio, se uno vuole sapere qualcosa in più su un quadro minore di Leonardo da Vinci, da oggi lo potrà fare scattando una semplice foto.
Si tratta di un’idea rivoluzionaria che potrebbe cambiare il modo di vivere delle persone, aiutandole a riconoscere oggetti, cibi ma soprattutto quadri e dipinti.

Matilde Ghignoni
Scuola Secondaria di primo grado “Puccini” di Firenze