mondoscuola

Innovazione, sicurezza, sostenibilità: da Miur bando per 52 istituti

bando scuole innovative (1)Roma – Cinquantadue nuove scuole all’avanguardia, sostenibili e ‘a misura di studente’. È quanto prevede il bando per #scuoleinnovative, inserito nella legge 107 e per cui sono stati stanziati 350 milioni di euro, e presentato oggi al ministero dell’Istruzione, dal ministro Stefania Giannini, dal sottosegretario Davide Faraone e dalla coordinatrice della struttura di missione per l’edilizia scolastica di Palazzo Chigi, Laura Galimberti. Il bando, che sara’ on line dalla prossima settimana e si chiudera’ il 30 agosto, sara’ rivolto a progettisti che avranno il compito di ‘immaginare’ istituti dotati di spazi didattici innovativi, con aree verdi fruibili e che diventino punti di riferimento per il territorio anche in orario extra scolastico.

Sara’ scaricabile sul sito www.scuoleinnovative.it dove e’ disponibile la mappa delle 52 aree su cui sorgeranno le nuove scuole. Per ognuna di queste sara’ possibile visualizzare una scheda tecnica della tipologia di istituto da costruite con il costo stimato delle opere. Le aree sono state individuate dalle regioni attraverso una procedura selettiva. Al concorso potranno partecipare ingegneri e architetti singoli o associati. La procedura si svolgera’ on line attaverso la piattaforma ‘Concorrimi’ messa a disposizione dall’Ordine degli Architetti di Milano. Ad individuare le prime 3 proposte vincitrici per ciascuna area di intervento – che saranno premiate con 25mila, 10mila e 5mila euro – sara’ una commissione di esperti. I progettisti potranno concorrere per una sola area. L’Inail acquistera’ le aree oggetto degli interventi di costruzione e realizzera’ le scuole, mentre il Miur paghera’ i fondi di locazione per 30 anni con fondi messi a disposizione ne ‘La Buona Scuola’. Gli studenti che frequenteranno le nuove scuole saranno coinvolti nella progettazione delle stesse attraverso un hackathon per l’edilizia scolastica.

bando scuole innovative (2)

Da oggi e’ anche disponibile l’app ‘La Buona Scuola – ediliza scolastica’ grazie alla quale i cittadini potranno verificare quanti finanziamenti sono stati stanziati per l’edilizia scolastica nel loro comune e come e se sono stati spesi quei soldi. Gli utenti potranno quindi dare un feedback sugli interventi, inviando segnalazioni e opinioni. “Sul capitolo edilizia- ha detto il ministro Giannini- sono stati compiuti sforzi importanti, abbiamo mobilitato nei primi due anni di governo quasi 4 miliardi di risorse per interventi di ristrutturazione, manutenzione ordinaria e straordinaria, decoro e ripristino. Il cambiamento culturale che abbiamo immaginato con la buona scuola passa anche da qui, da ripensamento degli spazi educativi per una scuola piu’ accogliente”. “Oggi dimostriamo che l’impegno del Governo sull’edilizia scolastica e’ stato mantenuto- ha aggiunto Faraone- e stiamo andando molto oltre le previsioni. Fino all’estate scorsa parlavamo di 4 miliardi destinati a questo settore, oggi siamo artivati a piu’ di 7, di cui 1,7 stanziati nell’ultima legge di stabilita’. I nostri ragazzi hanno bisogno di scuole funzionali, sostenibili, sicure. In questa direzione va la realizzazione di questi 52 istituti altamente innovativi”.