mondoscuola

Caserta-Palermo, viaggio di andata e ritorno sul sentiero della legalità

Caserta – La Fondazione Falcone fa tappa a Caserta per la giornata conclusiva del progetto “Caserta-Palermo, viaggio di andata e ritorno, sul sentiero della legalita’” che ha coinvolto gli studenti del Liceo Manzoni in un percorso di riflessione sulla legalita’. Una giornata di restituzione, dove i ragazzi hanno raccontato il senso del loro viaggio che dalle “storie di Palermo” li ha portati a conoscere piu’ da vicino le storie e le realta’ che operano contro le camorre nel casertano.

Toccare con mano i luoghi della memoria è una tappa importante di questo lungo percorso come conferma anche Adele Vairo, la dirigente scolastica del Liceo Manzoni di Caserta: “Un percorso emozionale prima ancora che culturale per far comprendere a questi ragazzi che c’è un mondo intorno che loro devono penetrare e perché sia possibile devono conoscere, ma per conoscere è necessario vivere”. La giornata è stata un’importante occasione per gli studenti che hanno avuto modo di testimoniare la loro nuova consapevolezza e l’insegnamento che ogni cittadino puo’ apportare un contributo decisivo contro le mafie attraverso scelte di vita quotidiane e responsabili.

“Stamattina abbiamo fatto una vaccinazione in quest’aula, abbiamo dato ai ragazzi gli anticorpi che devono servire a combattere la mafia – ha dichiarato Maria Falcone – Credo che ci siamo riusciti perché i loro insegnanti hanno inciso culturalmente nelle loro menti facendo capire loro quanto dannoso sia la criminalità”. I ragazzi per realizzare i loro lavori sono partiti dalla figura di Giovanni Falcone e Don Peppe Diana due figure che hanno imparato a conoscere grazie ai loro professori, alla Fondazione Falcone e alla collaborazione con il comitato Don Peppe Diana, un viaggio emotivo che li ha colpiti nel profondo come trapela dai loro lavori, i video, le loro poesie, i loro disegni, la mostra fotografica che hanno allestito nei corridoi della scuola.

Presenti all’evento la professoressa Maria Falcone, Presidente della Fondazione Falcone, il magistrato Raffaello Magi, il giornalista inviato di Striscia Luca Abete e altre autorita’ locali del mondo civile, militare e della scuola. Tutti concordi nel sottolineare l’importanza delle piccole azioni, come ad esempio la raccolta differenziata che, specialmente nel casertano, potrebbe sottrarre enormi quantità di denaro alla criminalità organizzata. Una giornata che dà fiducia anche nel futuro, come ci tiene a sottolineare Raffaello Magi: “I ragazzi sono stati bravissimi, ho sentito delle riflessioni alte, profonde e ho grande fiducia in voi e da oggi un pó di fiducia nel futuro”.