giornalisti-in-erba

Il cibo del futuro? Biologico…

 

È molto più facile scartare una merendina che perdere tempo nel prepararsi un panino fatto con alimenti genuini: adesso è cosi che noi ragazzi facciamo merenda. Quando usciamo da scuola e torniamo a casa, a volte non c’è nessuno che ci può preparare qualcosa di sano e, vinti dalla fame, di solito prendiamo la prima cosa che ci capita, magari qualcosa di precotto, perché non abbiamo voglia di cucinare, o siamo di fretta, e la mettiamo nel microonde. Questa abitudine è diventata molto frequente e può, a lungo andare, creare dei disordini alimentari, come per esempio l’obesità e l’anoressia. Noi ragazzi siamo più portati a mangiare non sano perché siamo invogliati anche dai fast food, locali dove il cibo è spesso fritto e accompagnato da salse che rendono sicuramente l’alimento più gustoso ma non proprio sano, però questo non significa che non ci si debba mai mangiare: bisogna considerarle solo eccezioni e non abitudini. Per gli amanti della salute stanno nascendo supermercati e negozi dove il “biologico” la fa da padrone: infatti tutti gli alimenti in vendita sono naturali e con pochissime sostanze chimiche. Grazie a una scommessa ho assaggiato alcuni prodotti nonostante la mia diffidenza iniziale, e secondo me non hanno niente da invidiare alle comuni merendine confezionate. La televisione è un’altra fonte di informazione per quanto riguarda il cibo: spesso con le pubblicità di prodotti alimentari ci nasconde la vera natura dei prodotti che vengono pubblicizzati perché non sempre gli articoli sono genuini come ci vogliono far credere. Ma per fortuna c’è chi tiene alla propria salute e tanti specialisti che ci possono aiutare e insegnare come combinare i giusti alimenti, perché mangiare sano non è sinonimo di non mangiare abbastanza né è vero che gli alimenti biologici debbano essere per forza insipidi o senza sapore. Non è un grosso sacrificio imparare a mangiare sano, ci sono poche e semplici regole da seguire: non saltare mai i pasti, soprattutto la colazione, che è il primo pasto della giornata; fare attività fisica (basta semplicemente camminare mezz’ora al giorno); bisogna bere tanto, anzi tantissimo; si dovrebbe cercare di mangiare frutta e verdura in grande quantità; bisogna saper scegliere una dieta variata, sana, bilanciata e adeguata al proprio stile di vita.

Giulia Bellucci
Classe 2D – Scuola Secondaria di primo grado “Puccini” di Firenze