Due giorni con i nostri amici vigili

Giorno 1 e 2 dicembre con i miei compagni e la maestra Marietta ci siamo recati alla sede centrale della nostra scuola in via Rosso di San Secondo. Fortunatamente ci hanno accompagnato anche due giorni di sole. Appena arrivati, in palestra siamo stati accolti da due vigili urbani che ci hanno spiegato quali sono i comportamenti corretti da tenere per strada. La proiezione di alcune immagini ci ha ricordato le regole per attraversare la strada: se non c’è un semaforo bisogna fare attenzione guardando sia a destra che a sinistra; se invece c’è un semaforo… con il verde si attraversa, con il giallo bisogna fare attenzione e con il rosso non si deve attraversare. Abbiamo imparato a leggere i cartelli stradali: quelli triangolari sono di pericolo, quelli blu sono d’obbligo, i divieti sono rotondi e rossi, lo stop è un ottagono. Successivamente ci è stato mostrato come si dirige il traffico usando le braccia. I simpatici vigili scherzavano con noi come se fossimo amici da sempre! E io ho pensato che non sono cattivi come dicono le persone in giro quando fanno le multe. Loro ci hanno spiegato che le multe le prende solo chi non rispetta le regole creando disagi al traffico. Queste regole se rispettate ci salvano spesso la vita! Il giorno successivo siamo andati nello spiazzo antistante l’ingresso della scuola e dopo un po’ sono arrivati due vigili in sella a due maestosi cavalli. Siamo rimasti tutti a bocca aperta! Mai visto dei vigili a cavallo! Un terzo vigile che stava a terra, ci ha parlato di questi animali. Un cavallo vive circa venti anni ma se viene trattato con cura può arrivare anche a quaranta. I cavalli mangiano carote, mele, erba e fieno. Ci hanno fatto vedere come viene pulito e spazzolato e mostrato il ferro di cavallo sotto lo zoccolo. Il vigile ha chiesto se qualcuno aveva qualche domanda, e tanti bambini si sono alzati chiedendo tante cose. Poi ci hanno fatto avvicinare agli animali. Ad un certo punto i vigili mi hanno dato una caramella che io ho offerto al cavallo e lui mi ha leccato la mano… che sensazione strana ho provato! Sono molto belli i cavalli! Mi piacerebbe averne uno… ma è troppo grande da portare a casa! Alla fine dell’incontro siamo andati via con una gioia immensa ed un’esperienza in più da raccontare e portare per sempre nel cuore.

Davide Zito IV F
Direzione Didattica “E. De Amicis”
sede “Nazario Sauro”
PALERMO