giornalisti-in-erba

Estintore

 

Certe volte mi sento proprio
come un estintore.
Come un qualcosa che,
suo malgrado,
deve risolvere conflitti altrui
che bruciano come fiamme.

Certe volte mi sento proprio
come un estintore.
Lasciato in disparte,
dimenticato,
fino al momento in cui
ti vengono a cercare.

E tu sei un ingenuo
perché, nonostante ti sia già successo,
ti fai portare dove desiderano loro
per arrivare comunque
e, allora,
scoprire che ti vogliono usare.

Certe volte mi sento proprio
come un estintore.
Chiamato quando serve,
quando bisogna risolvere un problema
perché nessun altro c’è riuscito.

E io,
silenziosamente,
piango.
E nessuno,
nessuno,
si accorge delle lacrime
di un estintore.

 
Lara Basegni
Classe 1E – Scuola Secondaria di primo grado “Puccini” di Firenze