mondoscuola

Fedeli: “Studio lingua cinese rafforza legame con Italia”

Roma – Un pomeriggio di festa per salutare l’arrivo dell’anno del Gallo tra canti, danze, rappresentazioni e musiche popolari. Ragazzi italiani e cinesi hanno dato vita alla Festa di Primavera 2017 del Convitto Nazionale ‘Vittorio Emanuele II’, l’istituto di piazza Monte Grappa a Roma che da tempo offre lo studio della lingua cinese all’interno del Liceo scientifico internazionale.

‘La musica, un filo rosso tra Italia e Cina’ il titolo dello spettacolo, organizzato in collaborazione con l’Istituto Confucio dell’universita’ La Sapienza di Roma, e che ha ospitato in prima fila i ministri dell’Istruzione e degli Esteri, Valeria Fedeli e Angelino Alfano, presenti insieme all’ambasciatore cinese in Italia, Li Ruiyu.

“Sono particolarmente contenta e orgogliosa di essere qui per conoscere questa esperienza formativa che considero straordinaria- ha spiegato la titolare del dicastero di viale Trastevere- perche’ permette di conoscere una cultura di antica tradizione e perche’ l’apprendimento della lingua rafforza moltissimo i nostri legami con la Cina. Considero tutto questo un elemento di modernita’ e di qualita’ per il futuro”. Oltre al susseguirsi di canti e rappresentazioni, il pomeriggio e’ stata anche l’occasione per la consegna delle certificazioni degli esami HSK e HSKK rilasciati da Hanban nel 2016. Quindi l’augurio finale rivolto da tutti gli studenti per un nuovo anno pieno di “prosperita’ e successi, ricco di coraggio e diligenza”, qualita’ che il Gallo simboleggia nella millenaria cultura cinese. “Il nostro e’ un impegno continuo- ha spiegato il rettore del Convitto, Paolo Maria Reale- Pari all’entusiasmo nell’apprendere che fa onore a questi giovani. Siamo molto contenti del lavoro, perche’ due nostri studenti hanno partecipato con ottimi risultati alla competizione internazionale della lingua cinese. In generale sono aumentati gli studenti qui e in soggiorno in Cina: di questo siamo molto soddisfatti”.