giornalisti-in-erba

Fuoco spento

 

Nella tua adolescenza

amavi tentare ogni cosa

e trasgredire i limiti

della normalità.

Come una folata di vento,

mi travolgevi

nelle tue fantasie,

catapultandomi

nei meandri della tua giovane mente.

Ma adesso quell’ardente fuoco,

che ti bruciava dentro,

si è assopito, si è spento.

I tuoi occhi vivaci d’un tempo

non brillano più per me

e le tue mani calde

non sfiorano la mia pelle

come prima.

Ma nei miei occhi

puoi scorgere ancora

un barlume di speranza

che ti grida silenzioso:

SORRIDI, SORRIDI…

Spes ultima dea…!”.

 

Alessia Vicino III A Liceo Classico – Istituto “G. Carducci” _ Comiso (RG)