Il laboratorio di scienze

Oggi, martedì 26 Gennaio 2016, abbiamo partecipato ad un laboratorio di scienze con il professor Sannini dell’Università di Trieste, e due collaboratrici, Luisa e Kwuzama.
Loro ci hanno mostrato due esperimenti fatti con l’acqua.
Il primo esperimento è fatto con acqua e sabbia magica.
Succedeva che mettevi in acqua la sabbia e questa si rapprendeva, mentre quando si estraeva la mano dall’acqua, la sabbia diventava di nuovo polvere.
Ci hanno spiegato che si trattava di una sabbia magica.
E’ una sabbia trattata, che non si trova in natura. Si può comprare in negozio ed è stata elaborata per i paesi dove piove poco. Viene utilizzata in agricoltura, perché l’acqua normalmente evapora e lascia il terreno asciutto.
Questa sabbia è impermeabile e quindi trattiene l’acqua e aiuta le piante a crescere.

Dopo abbiamo fatto un esperimento con una sostanza che non conoscevamo.
C’era una bacinella piena di questa sostanza che sembrava yogurt, ma anche colla. Abbiamo preso un martello e abbiamo dato dei colpi secchi dentro la bacinella e non schizzava.
Se mettevi il dito, affondava dentro.
Abbiamo anche messo dentro una moneta e questa era scomparsa.
Il prof. Giancarlo ci ha spiegato che si chiama amido di mais, o meglio conosciuto come maizena. Abbiamo provato anche a modellarla.
Era strano perché era liquida, ma anche un po’ solida. Si attaccava alle mani. Mettendola sul tavolo si scioglieva. Se facevi una pallina, poi si scioglieva subito dopo.
Il prof. Giancarlo ci ha spiegato che le molecole di questa sostanza si comportano in modo strano. Quando colpisci con il martello, le molecole si avvicinano tanto da sembrare solide, mentre normalmente le molecole si allontanano.
Alla fine dell’esperimento ci siamo lavati le mani.
La maizena si è lavata senza difficoltà.
E’ stato interessante e ci siamo divertiti tanto.
Faremo altri laboratori come questo.

Classe 3D, IC Roiano Gretta, plesso Saba, Trieste