#Il mio Paki

Casoli, 12/01/2016

 

Caro Francesco,

sono io Paky, vorrei finalmente raccontarti la mia vita. Tutte le mattine quando mi sveglio, mi vieni incontro e inizi a coccolarmi. Quando arriva l’ora di mangiare, mi porti però poco cibo. Nel pomeriggio vorrei fare il mio riposino perché sai che sono un cane molto sedentario, ma ogni volta ti presenti con quel guinzaglio e mi costringi a uscire a passeggio, anche se non ne ho voglia. A volte sono contento di uscire perché incontro i miei amici cani. Ti ringrazio per la mia bellissima cuccia, ma è un po’ sporca.

Adesso che ho descritto la mia vita quotidiana, ci sarebbero un paio di richieste: vorrei che mi lasciassi un po’ più libero per andare con gli altri cani, vorrei che mi dessi un po’ più di cibo e che mi comprassi quei croccantini che mi piacciono tanto, vorrei anche che mi pulissi la cuccia e, infine, vorrei che mi trascurassi un po’ di meno.

Tanti bau baci.

Paky

P.S: ho imparato a scrivere!


Casoli, 13/01/2016

Carissimo Paky,

sono desolato di averti trascurato, ma ho sempre molto da fare. Non pensavo di essere così fastidioso, se ti do sempre poco cibo e ti costringo ad uscire, è per non farti ingrassare.

Adesso che hai imparato a scrivere, puoi chiedermi quello che vuoi, quando vuoi e io ti soddisferò.

Ho anch’io un po’ di richieste per te: vorrei tanto che tu, invece di fare i tuoi bisogni dentro casa, imparassi a farli fuori; vorrei anche che quando ti passo la spazzola o ti faccio il bagnetto, non ti agitassi troppo; vorrei inoltre che mi riportassi la palla ogni volta che te la lancio, invece di tenertela; e vorrei infine che non provassi a mordermi ogni volta che ti accarezzo.

Ti mando tanti abbracci.

Francesco

P.S: ti devi esercitare nella scrittura.


 

Caro Paky,

mi dispiace ma ho poco tempo, ci sono i compiti, la danza e molte altre cose. La mattina quando mi sveglio per andare a scuola, vengo subito da te perché i tuoi occhioni dolci mi fanno capire che, in fondo, la giornata andrà bene. Scusami se non ti lascio dormine il pomeriggio, ma quando ce l’ho libero, colgo l’occasione per portarti a passeggio. La stessa cosa vale per la cuccia. Non ho tempo! Ma proverò, in qualche modo, a prendermi più cura di te. Per quanto riguarda le tue richieste, credo che la mia risposta già la sai.

Ciao, a presto!

Jessica

 

Francesco Carosella e Jessica De Petra
Classe 2^C
Scuola Secondaria di I grado Casoli
Istituto Comprensivo “G. De Petra”- Casoli – (CH)