Il museo dell’Antartide

Con la classe siamo andati a visitare il museo dell’Antartide. Siamo partiti da scuola alle 8.20 e siamo andati a piedi alla stazione dei treni poi abbiamo preso l’autobus 17 e siamo arrivati a S. Giovanni.
All’inizio l’autobus era affollato ma quando si è fermato all’università tutti sono scesi e siamo rimasti solo noi.
Siamo scesi al capolinea, abbiamo attraversato un arco di pietra, siamo scesi per una stretta stradina che attraversava dei gazebo pieni di fiori e dopo ancora un po’ di discesa siamo arrivati all’ex ospedale psichiatrico. Lì ci siamo fermati e abbiamo fatto merenda nel giardino delle rose. Poco dopo ci siamo incamminati verso il museo. Arrivati al museo abbiamo conosciuto la nostra guida: il dott. Pugliese. La prima stanza che abbiamo visitato rappresentava la galleria del vento e la guida ci ha spiegato che il vento in Antartide riesce a soffiare a più di 300 km orari. In seguito un gruppo di 9 bambini, inclusa me, sono entrati dentro ad una spirale in cui la guida ci ha spiegato il clima dell’Antartide, mentre l’altro gruppo è restato a guardare un filmato sulla scoperta dell’Antartide e poi ci siamo scambiati. Poi abbiamo osservato i pinguini e siamo entrati nella ricostruzione della camera del primo ricercatore giunto in Antartide, Robert Falcon Scott. Poi abbiamo ascoltato la storia di altri due ricercatori arrivati in Antartide: Roald Amundsen e Ernest Shakleton. Alla fine siamo entrati in una tenda usata dai ricercatori nelle spedizioni in Antartide e abbiamo visto i meteoriti ritrovati fra i ghiacci.
Poi dovevamo fare un collegamento internet con lo zio di Barbara che era in Antartide, ma lui non era in linea e allora abbiamo visto un documentario sugli animali che vivono in Antartide.
Questa gita mi è piaciuta tanto!

Sara Laconi
classe IV C scuola primaria U. Saba
I.C. Roiano-Gretta Trieste