giornalisti-in-erba

Il teatro Verdi

Il 3 febbraio siamo andati con la classe in visita al teatro Verdi.
Arrivati davanti al teatro ci siamo fatti una bellissima fotografia.
Nella prima sala abbiamo visto alcuni costumi che erano veramente affascinanti e che erano stati usati nella rappresentazione di alcune opere liriche.
Poi delle signorine ci hanno fatto mettere le giacche nel guardaroba e dopo esserci messi in cerchio, un signore ci ha spiegato che il teatro è stato costruito 215 anni fa e ci hanno messo tre anni per costruirlo, dal 1798 al 1801.
L’ hanno ristrutturato tre volte e prima si chiamava Teatro Nuovo, poi Teatro Grande e poi Teatro Comunale, infine, quando Giuseppe Verdi è morto, nel 1901, l’hanno chiamato teatro Verdi.
Quando questo signore ha finito di parlare,, ci hanno accompagnato in platea e anche lì abbiamo fatto una fotografia. Poi siamo andati a vedere i palchi, che sono delle stanzette dove molto tempo fa si poteva anche mangiare, fumare e parlare durante gli spettacoli.
Al primo e secondo piano c’erano le gallerie, ma noi ci siamo solo passati, poi siamo andati nel loggione, dove ci siamo seduti e abbiamo fatto delle domande alla nostra guida.
La guida ci ha detto che il teatro ha 1300 posti.
Dopo siamo andati a vedere la sala ballo e la sala coro.
La sala ballo aveva il pavimento in pendenza perché i ballerini si devono abituare al palco in pendenza. La sala coro era molto molto bella, ma non c’era niente di speciale.
Per finire siamo andati nella sala concerti, dove il primo violino, ci ha presentato le famiglie di strumenti che compongono l’orchestra.
Dopo abbiamo ascoltato dei brani per coro e orchestra di Mozart, Beethoven e Verdi.
Questa gita mi è piaciuta tantissimo e spero di tornare presto in teatro.

Gaia Trevisan
classe IVC scuola primaria U. Saba
I.C. Roiano-Gretta Trieste