giornalisti-in-erba

Io vorrei…

In occasione della festa delle donne abbiamo visto il film “J’m Malala” . Si racconta la storia di una giovane Pakistana nata nel 1997 che ha combattuto per il diritto delle donne alla libertà e all’istruzione. Le leggi del suo paese, infatti, non permettono alle donne di studiare liberamente. Il 9 Ottobre 2012 è stata ferita gravemente alla testa da un gruppo di talebani armati, saliti a bordo dello scuolabus su cui lei stava viaggiando. Dopo essere sopravvissuta all’attentato, è stata trasferita in un ospedale di Birmingham. Nel 2013 ha pubblicato il libro “Io sono Malala” che ha vinto il premio Nobel per la pace. Dice Malala “Un libro, una penna, un insegnante, un alunno possono cambiare la cultura di tutto il mondo”. Che bella frase!!! Le maestre ci parlano sempre dell’importanza dello studio. Io credo di averlo capito, e come Malala ho anch’io due genitori che credono nell’importanza dello studio e mi sostengono sempre. Spesso mi chiedo perché nel mondo ci sia tanta violenza e ci siano tante ingiustizie. Il messaggio di Malala è che nessuno si deve arrendere mai: dobbiamo essere coraggiosi, non avere paura di combattere per ciò in cui crediamo. Guardando il film ho provato tanta tristezza per le ingiustizie che Malala ha dovuto subire, ma alla fine ero contenta perché ha vinto la sua battaglia. Io vorrei tanto essere come lei e combattere le ingiustizie che ci sono in Italia e anche nel mio paese d’origine. Tutto quello che penso e che vorrei fare non potrebbe essere contenuto in un quaderno, ci vorrebbe un grande libro. Chissà se un giorno riuscirò, come Malala, a vincere le mie battaglie e… perché no… diventare famosa come lei. Intanto spero che questo mio testo venga pubblicato nel giornale della mia scuola perché l’ho sempre desiderato. Chissà se questo sarà l’inizio di ciò che vorrei fare in futuro.

Chaimaa Elmouchin
Classe IV C tempo pieno
Direzione Didattica “E. De Amicis”
sede “Rosso di San Secondo”
PALERMO