giornalisti-in-erba

La rondine testarda e ribelle

C’era una volta una rondine maschio che non voleva andare via da ogni paese, per l’inverno.
Arrivato con la sua famiglia e i suoi parenti in un bellissimo paese, disse:<<Mamma papà io non voglio andare via da qui!
Voglio restare! >>
I genitori gli risposero:<<Nooo!!! Non puoi, morirai dal freddo!!!>>
La rondine insistette:<<Voglio provare quanto freddo fa in inverno.>>
Arrivato l’inverno lo chiamarono per andare via.
<<Ma dov’è?>> chiese la mamma.
<<Non lo so!>> rispose il papà.
<< E’ scappato! Non c’è dubbio! >>
Così abbandonarono il viaggio per andare a cercarlo.
Dopo tanto tempo, finalmente, lo trovarono.
Era stanco morto, così il papà se lo mise sulla spalla e andarono via.
Il figlio chiese scusa ai genitori e giurò di non farlo mai più.

 

La rondine testarda e ribelle (dialetto)

Ce stava ‘na vorta ‘na rondine che nun voleva annà via dar paese ndo stava pe passacce l’inverno.
Arrivata co ‘a famija e co i parenti sua in un bellissimo paese, disse:<<A ma’ a pa’ io nun vojo annà via da qua! Vojo rimanecce >>
I genitori je risposero:<<Nooo!!! Non poi, te mori de freddo!!!>>
‘A rondine è capocciona:<<Vojo provà che gianna ce sta in inverno.>>
Arrivato l’inverno ‘a chiamano pe annà via.
<<Ma do sta ?>> chiede ‘a mamma.
<<Nun lo so!>> risponne er papà.
<< s’è data! Nun ce piove! >>
Così accannano er viaggio pe annà a cercà ‘a rondine.
Dopo un sacco de tempo, finalmente, la trovano.
Stava a stirà, così er papà se la pija in spalla e se ne vanno.
‘A figlia chiede scusa ai genitori e giura che nun lo rifà n’artra vorta.

Elisa Canzian, 3B I.C. Via Bravetta Roma