giornalisti-in-erba

Il legno trasparente? È una realtà

 

Il legno è un ottimo materiale da costruzione, grazie a qualità disparate fra cui leggerezza, flessibilità, resistenza e, soprattutto, rinnovabilità ed ecosostenibilità. Inotre, grazie ai risultati ottenuti dal KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma, il legno potrà vantare fra i propri pregi anche la trasparenza. Il team svedese, guidato dall’esperto di biomateriali Lars Berglund, ha infatti scoperto una tecnica per rendere il legno trasparente a un costo di produzione tutto sommato ridotto, abbastanza comunque da permetterne la produzione industriale. Gli utilizzi pratici? Moltissimi: pannelli solari e finestre, utilizzabili per costruire abitazioni a minore impatto ambientale, in grado di sfruttare maggiormente l’illuminazione naturale e ridurre così il consumo di elettricità.
Il materiale primo da cui i ricercatori sono partiti è stato del comune legno di balsa, dal quale è stata eliminata chimicamente la lignina, il polimero di colore brunastro che costituisce, assieme alla cellulosa, la maggior parte della biomassa dei vegetali. Poi, avendo assunto il legno un omogeneo colore bianco, è stato necessario modificarne la natura nanoscopica: la balsa è stata dunque imbevuta in un polimero acrilico per renderla più resistente e aumentarne la trasparenza. Il colore risultante è più opaco che trasparente, a dire il vero, ma ciò, a detta dei ricercatori, potrebbe costituire un vantaggio perché nel caso di utilizzo come materiale edile garantirebbe una certa privacy; nonostante questo, è sufficientemente trasparente per permetterne l’utilizzo in pannelli solari. Questi ultimi potrebbero essere inseriti, secondo i ricercatori, perfino all’interno dei muri stessi, così da ottenere abitazioni quasi del tutto autonome dal punto di vista dell’energia elettrica, che peraltro ha il vantaggio di essere rinnovabile.
Adesso il team si concentrerà su altri tipi di legno, sperando di ottenere risultati altrettanto positivi. Secondo Berglund, se tutto andrà come previsto, entro cinque anni il legno trasparente sarà in grado di fare il suo ingresso nel mercato.

Lorenzo Paciotti
Classe 3E – Liceo Classico “Galileo” di Firenze