mondoscuola

Liceo classico, perché sceglierlo

ROMA – Il liceo classico è caratterizzato dallo studio di materie umanistiche come il greco,il latino e la filosofia. Negli ultimi anni ,il numero di alunni iscritti a questo percorso liceale si è abbassata incredibilmente, fino a toccare la percentuale più bassa nel 2013 di circa 6 alunni su 100.

I nostri ragazzi, infatti, sembrerebbero essere più propensi ad altri tipi di istituti, come i tecnici e professionali con i quali sperano di avere più possibilità di specializzarsi e trovare con più facilità un impiego.

Abbiamo intervistato Bianca C., studentessa del terzo anno al liceo classico Dante Alighieri di Roma.
Da studentessa, secondo te, perché la scelta di studi classici è sempre più in calo? 
“Sicuramente il tipo di  scuola che ho scelto è più impegnativa di quella di molti altri miei coetanei,non tutti infatti sono pronti ad un così grande sforzo,né  hanno, probabilmente, una famiglia che li può sostenere economicamente in questo percorso di studi”
Che carriera o università  si può  intraprendere una volta presa la maturità al classico?
“La nostra preparazione è una delle più complete da tutti i punti di vista,di conseguenza penso che ognuno può fare ciò che preferisce,dal filosofo al ingegnere”.
Non pensi mai di aver sbagliato nella scelta di questo indirizzo?
“Certo, in molti momenti lo penso (ride ndr), specialmente quando non posso uscire con i miei amici per la mole di compiti che devo fare per il giorno dopo”.
Quante sezioni ci sono nel tuo liceo? 
“Le sezioni sono 6 ma ,ci hanno raccontato i nostri professori, che fino a tre anni fa ce ne erano altre due”.
Cosa diresti ad un ragazzo che ha scelto di fare il tuo stesso indirizzo di studio?
“Gli consiglierei di avere molta pazienza e costanza nello studiare e appassionarsi a ciò che fa,ma soprattutto gli direi di non mollare al primo 3 alla versione di greco,è capitato a tutti”.
di Marta Ajello – Liceo Dante Alighieri di Roma