mondoscuola

‘New Generation EP’, studenti eurodeputati per un giorno: “Da noi proposte concrete”

ROMA – Solo per oggi, il Teatro della Cometa di Roma si e’ trasformato nel Parlamento Europeo, in occasione della quarta edizione del progetto ‘New Generation EP’, nato con l’obiettivo di promuovere una cittadinanza europea consapevole, la conoscenza delle istituzioni, del loro funzionamento e del loro ruolo.

Questa iniziativa rappresenta un veicolo fondamentale per accorciare la distanza tra le tematiche europee e i cittadini dell’Ue, in particolar modo, i giovani.

‘New Generation EP’ da’ la possibilita’ all’universo young di toccare con mano il concetto di Europa in tutte le sue sfaccettature: dalla teoria alla pratica. Grinta, entusiasmo e grandi capacita’ oratorie. Questi i super poteri degli studenti di alcuni licei romani (Cristo Re, Virgilio, Santa Maria Ausiliatrice, Vivona e Seneca) che hanno rivestito, per l’occasione, il ruolo di eurodeputati.

L’evento rappresenta una vera e propria simulazione della plenaria europarlamentare, in cui i ragazzi si sono sono sfidati in una gara di oratoria per convincere una giuria di giornalisti sulle loro proposte di modifica di alcuni articoli della strategia dell’Unione europea per la gioventu’.

A giudicare le proposte degli studenti, una giuria composta da Alessio Di Francesco, giornalista Radio Radio; Tiziana Di Simone, giornalista Radio e Caffe’ Europa; Maria Antonietta Spadorcia, giornalista TG2; Mariano Avagliano, Italia Camp. Sulle note dell’inno europeo, la Di Simone ha decretato la scuola vincitrice: “Al primo posto, il Liceo Seneca”. Gli studenti vincitori parteciperanno all’Euroscholar, che si terra’ a Strasburgo. Questa sara’ un’occasione per confrontarsi in plenaria con scuole di altri paesi europei.

“Noi del Liceo Seneca abbiamo cercato di dare delle soluzioni concrete e che si possano realizzare velocemente”. Cosi’ all’agenzia Dire, Diana Ioana Vasilache, studentessa del Seneca. “Attraverso progetti di questo genere riusciamo a far sentire la nostra voce. Inoltre rappresentano sia una competenza in piu’ siano piu’ efficaci delle lezioni scolastiche sull’Unione europea. Sapere che alcune di queste nostre proposte arriveranno all’UE e’ veramente piacevole perche’ ci fa sentire importanti”.