mondoscuola

Pi Greco Day, Fedeli: “Giornata importante, sono contenta ed emozionata”

Roma – Una sfida a colpi di numeri e quiz matematici. Si celebra oggi per la prima volta anche al ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca il ‘Pi Greco Day’, giornata dedicata alla costante matematica piu’ famosa. Centinaia di scuole si sfideranno online. Mentre una delegazione di studenti svolgera’ le gare al Ministero, presso il Salone della Comunicazione, dove alle 9 il ministro Valeria Fedeli ha aperto ufficialmente la manifestazione. In tutto il mondo matematici, fisici, studentesse e studenti rendono omaggio al Pi Greco con una serie di iniziative organizzate oggi 14 marzo, una data simbolo.

Scrivendola secondo la consuetudine anglosassone di anteporre il mese al giorno, dunque 3 e 14, si ottengono infatti in sequenza i numeri del Pi Greco approssimato. Il 14 marzo coincide anche con l’anniversario della nascita di Einstein. Il Pi Greco Day e’ stato lanciato per la prima volta dal fisico statunitense Larry Show nel 1988, a San Francisco. L’iniziativa e’ stata voluta dalla Direzione generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione del Miur con il contributo organizzativo dell’associazione ‘Spettacoli di Matematica APS’ e in collaborazione con Tokalon Matematica e Redooc.com.

“Oggi e’ una giornata importante. Sono contenta ed emozionata del fatto che per la prima volta il ministero fa questa scelta che nel mondo esiste dal 1988, quando questi giochi furono inaugurati a San Francisco. Siamo in ritardo rispetto ad altri Paesi ma sapremo recuperare in fretta”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli oggi al Miur, durante il suo saluto al Pi Greco Day. “Chi ama la matematica- ha aggiunto Fedeli- e’ anche piu’ facilitato nel suo ingresso nel mondo del lavoro. Mi rivolgo specialmente alle ragazze che hanno il compito di sovvertire questo luogo comune totalmente sbagliato che le materie scientifiche sono prerogativa degli uomini. Noi dobbiamo metterle nella condizione – anche con queste iniziative – di dimostrare che cosi’ non e'”.