giornalisti-in-erba

R CULT

La letteratura può ridare fiato alla giustizia ovvero dare voce ai personaggi esclusi, incompresi o muti di alcuni romanzi.
Questo fenomeno si chiama “retelling” riequilibrante cioè reinvenzione delle storie partendo dal punto di vista del personaggio che non ha avuto voce nel precedente romanzo.
Con questa tecnica lo scrittore Kamel Daoud ha riscritto il romanzo di Camus “Lo straniero” trasformando il personaggio “senza voce” (l’arabo ucciso in spiaggia dal protagonista del romando di Camus ) in personaggio principale .
Anche il premio Nobel J. M. Coetzee, pioniere della riscrittura anticoloniale, ha restituito una dignità severa al personaggio Venerdi del romanzo Robinson Crusoe nel suo libro “Foe” : in questo romanzo lo schiavo negro ritrova la sua identità di sudafricano piccolo, gracile e servo muto completamente diverso dall’altro Venerdi di Crusoe e la vera protagonista è la figura femminile di Susan Barton che implora lo scrittore Foe divenuto personaggio perché racconti la loro storia .
Anche Camilleri sta riscrivendo la storia di “Pinocchio” narrata dal Gatto e dalla Volpe.
Tecnicamente questo fenomeno si chiama “Spin off” : il testo sviluppato da un’opera che precede.
In questo modo il romanzo appartiene a chi lo legge come ha detto Pennac e il lettore può farne ciò che vuole specie a favore dei precedenti.
La rivoluzione consiste nel riscatto morale dei personaggi non protagonisti nei precedenti romanzi.
Questa tecnica è stata adottata anche a livello cinematografico come ad esempio nel film “Malefica” con la bella faccia di Angelina Jolie e il lupo di Cappuccetto Rosso ridotto a povera bestia vessata da una ragazzina viziata.
Ritornando alla letteratura, anche Howard Jacobson ha ridisegnato “Shylock” e si è permesso di riambientare allegramente la dark comedy shakespeariana nel triangolo d’oro di Ceshire.

Giulia Campanella 2 A Istituto comprensivo Pallavicini-plesso Bachelet-Roma