mondoscuola

I ragazzi dell’I.C. Fanelli Marini mettono in scena ‘I Promessi Sposi’

Roma – La storia d’amore tribolata dei Promessi Sposi, Renzo e Lucia, è stata d’ispirazione per molte generazioni, la storia che secondo il Manzoni dovevano leggere i suoi “cinque lettori” è stata scomposta, rivisitata, composta e riscritta, riadattata alle esigenze del medium che di volta in volta la ospitava, dal teatro alla televisione passando per il cinema e i fumetti.

Lo spettacolo come tappa finale del laboratorio teatrale svolto dai ragazzi nel corso dell’anno scolastico, un percorso che li ha arricchiti e che ha trasmesso loro una serie di valori validi sul palco come nella vita. Rispetto per il prossimo, solidarietà, concentrazione e applicazione sono questi alcuni dei valori che i ragazzi dell’Istituto Fanelli Marini hanno imparato grazie al laboratorio teatrale nell’ambito del progetto per la “Prevenzione dell’illegalità minorile mediante azioni di peer education” dell’Istituto di Ortofonologia, che lega oltre 30 scuole di Roma con una proposta alternativa e costruttiva, volta ad invitare i ragazzi ad impiegare il tempo libero sviluppando il proprio talento ed imparando valori positivi.

Al regista e sceneggiatore Giuseppe Farina sono affidati i progetti teatrali, l’impegno è nel coinvolgere i ragazzi nell’interpretazione delle sceneggiature, nell’apprendimento della recitazione e nell’acquisizione del valore che i testi trasmettono. In quest’ottica non è più la performance in sé il centro dell’iniziativa, ma il percorso di preparazione allo spettacolo finale, la strada che li porta ad esibirsi di fronte ad un pubblico affrontando paure e timori, affrontare il reale attraverso la sua rappresentazione e vincere così la timidezza.

In questa versione comica dei ‘Promessi sposi’ di Alessandro Manzoni i ragazzi si sono messi alla prova ed hanno saputo rispondere prontamente riuscendo a mettere in piedi uno spettacolo ben riuscito, che li ha divertiti e ha divertito i tanti spettatori accorsi al teatro Lido di Ostia.