giornalisti-in-erba

Roald Dahl: In solitario. Diario di volo

 

Le strane abitudini dei muscolosi e abbronzati gaglioffi che compongono l’equipaggio della nave con cui il famoso romanziere anglo-norvegese arriva in Africa, i bombardamenti degli spietati Ju 88 e dei Messerschmitt tedeschi, le meraviglie africane, palestinesi e greche insieme ad un Roald Dahl mai conosciuto: questo libro non racconta l’ennesimo romanzo del romanziere tanto amato, del divo della lettura per ragazzi, ma l’eroico sottotenente della RAF, del pilota di caccia Hurricane. Con “In solitario” Dahl racconta della sua esperienza nella seconda guerra mondiale, al fianco della sua patria contro Hitler e Mussolini.
Questo libro mi è piaciuto molto perché mi fa guardare diversamente la figura di Roald Dahl: prima mi immaginavo un vecchietto chino sulla scrivania del suo studio ma ora quando penso a lui mi viene in mente un pilota che esce dal suo aereo con il casco sotto il braccio, un uomo fedele alla sua famiglia e alla sua patria.

Jacques Camajori Tedeschini
Classe 1A – Scuola Secondaria di primo grado “Pieraccini” di Firenze