mondoscuola

Sanremo visto da noi: le pagelle della seconda serata

Grande successo per le nuove proposte amate fin da subito dai ragazzi del gruppo di ascolto “Sanremo visto da noi”. Una seconda puntata che nel complesso è piaciuta grazie anche alla maggiore scioltezza dei conduttori e alla presenza dei due ospiti internazionali: il duetto Sting-Shaggy “uno spettacolo fresco, carico di ritmo e molto coinvolgente” per Sara Tarantino.

Un 9 per Nina Zilli che con la sua canzone “Senza Appartenere” conquista Ylenia Manzo perché “è dedicata alla grande forza e al coraggio e di tutte le donne”. Un 4 a “Almeno Pensami” di Ron che per Mirko Legnigni “poteva rimanere inedita”.

Tra le nuove proposte per Emanuele Caviglia “Come stai” di Giulia Casieri è “una vera e propria bomba, stile che si avvicina molto al rap e si sa che quando eseguito da una donna desta sempre molta ammirazione”.

Un 3 invece per Mirko e il cane secondo Paola Picardi perché è una “canzone senza ritmo, noiosa… troppo lenta. A Sanremo ci si aspetta di più, un ritmo che porti allegria”. Non la pensano così Anna Di Bartolo e Anna Cozzolino che alla stessa canzone assegnano un 8.5.

Giuseppe De Martino premia invece Lorenzo Baglioni tanto da “volerlo come professore”.

Continuano ad essere apprezzati gli abiti scelti dalla Hunziker mentre il look stravagante di Elio e le storie tese non piace alla maggior parte dei ragazzi.

Per Fabiana Rinaldi il miglior momento della serata è stato il discorso di Pippo Baudo “che ha portato gli spettatori a fare un tuffo nel passato”. Un intervento apprezzato da molti ma su tutti vince Favino che si esibisce in Despacito.

“Il peggior momento della serata sono state le gag die presentatori che personalmente non mi hanno fatto ridere” dice Francesco Violante.