Il sincrotrone di Trieste

Il 16 febbraio, siamo partiti da scuola alle ore 8.30 per andare a visitare il Sincrotrone, un importante centro di ricerca di Trieste. Lì ci aspettava un signore di nome Marco che ci ha accompagnato nella visita.
Entrati ad Elettra, la cosiddetta “ciambella”, Marco ci ha mostrato due plastici e ci ha spiegato cose molto importanti sui diversi tipi di raggi luminosi.
Ci ha mostrato un piccolo cartellone dove era spiegato cosa si può vedere con le onde di luce.
Più grandi sono le onde meglio si riescono a vedere le cose grandi, invece se le onde sono più piccole si riescono a vedere oggetti più piccoli. Marco ci ha mostrato un maiale di carta stagnola e vicino c’erano dei tubi che servivano a far passare gli elettroni. Dopodiché siamo andati nella sala controllo e c’era un ricercatore con il mouse del computer che spostava gli elettroni nei tubi.
Poi siamo andati a vedere FERMI, un’altra macchina di luce e siamo andati in un posto dove di solito si fanno gli esperimenti invece per nostra fortuna noi abbiamo mangiato.
Per tornare a scuola abbiamo preso l’autobus numero 51 e siccome nell’autobus c’era tantissima gente Lorenzo si è appoggiato alla porta ed è caduto, per fortuna un signore l’ha aiutato ad alzarsi. È stata la miglior gita di sempre.

Giulio Gottardo
Classe IVC
Scuola primaria Umberto Saba
Istituto Comprensivo Roiano-Gretta Trieste