giornalisti-in-erba

‘Sta città’

Quanno sorge er sole sopra ar Cuppolone

e er vecchierello sona er mandolino ar Fontanone

te viè da sussurrà che meravija,

dentro a ‘sta città semo tutti ‘na famija.

Ce sta er Vittoriano che se leva sopra ogni muro

sovrastanno quaa piazza dove ‘n tempo cominciò ‘n periodo scuro.

Volemo parlà de come se magna,

nun ce sta niente de mejo de na matriciana davanti a piazza de Spagna.

Insomma, a me sembra che ‘sta città nun c’ha nemmeno un neo,

‘nfatti ce ‘ncanta cor Colosseo.

Se scrive Roma ma al contrario se legge amor

perchè ‘sta città a tutti glie fa tremà er cor.


Flavio De Valeri

Istituto Comprensivo Alberto Sordi di Roma

classe IIB secondaria di I grado