mondoscuola

Ha fatto tappa a Cosenza il progetto “Viaggio in Italia: la Corte costituzionale nelle scuole”

ROMA – E’ appena partito il viaggio della Corte costituzionale che durerà cinque mesi e che ha visto proprio il Presidente della stessa, Paolo Grossi, al Teatro Rendano di Cosenza, ospite del Liceo “Fermi”, della rappresentanza delle Istituzioni scolastiche della Città e della Consulta provinciale.

L’iniziativa s’inserisce nell’ambito dell’iniziativa promossa dalla Corte costituzionale e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e prevede l’approfondimento, tra gli altri, dei temi della genesi, della composizione e del funzionamento della Corte costituzionale, nonché della sua attività, illustrata attraverso le sentenze che hanno inciso di più nella vita quotidiana delle persone.

Gli studenti, interpreti di una performance straordinaria hanno dimostrato di aver compreso che “la Costituzione rappresenta il cemento della nostra comunità ed é un manifesto di principi e valori a cui ispirare l’azione di ognuno di noi nella società, nella vita personale e nella politica”. Obiettivo del progetto, infatti, è “far sì che le nuove generazioni incontrino quanto prima nel loro percorso formativo la Carta Costituzionale, che la avvertano come familiare, che ne riconoscano il valore di strumento di coesione sociale, di guida per una cittadinanza attiva e responsabile” come dichiarato dalla Ministra Fedeli nel giorno della presentazione.

Corte costituzionale nelle scuole (1) Corte costituzionale nelle scuole (2) Corte costituzionale nelle scuole (4) Corte costituzionale nelle scuole (5) Corte costituzionale nelle scuole (6) Corte costituzionale nelle scuole (7) Corte costituzionale nelle scuole (3)
<
>

Questo progetto – ha spiegato il Presidente Grossi – ha un significato particolare che è quello, allo stesso tempo, di adempiere a un dovere e a una responsabilità verso la società civile e soprattutto verso i giovani. Dobbiamo fare di più per aiutare le nuove generazioni a familiarizzare con la Costituzione”. Grandi apprezzamenti sono stati espressi dal Presidente nei confronti dell’organizzazione gestita mirabilmente dalla Dirigente scolastica Gabriella Greco che ha contribuito a rendere questo evento una data storica per la Scuola calabrese.