giornalisti-in-erba

Un gigantesco aspirapolvere… per lo smog

 

A Rotterdam è stato costruito il primo ionizzatore che ripulisce l’aria dallo smog in maniera pratica e eco-sostenibile: dopo la pista ciclabile che si illumina di notte, Daan Roosegaarde, designer olandese noto per i suoi diversi capolavori architettonici, torna con una nuova idea rivoluzionaria: la Smog Free Tower ovvero uno ionizzatore che, incamerando l’aria, libera l’ambiente dallo smog e restituisce l’aria al 75% più pulita. L’invenzione è prodigiosa, infatti non solo filtra lo smog ma riesce a pressurizzarlo in cristalli riciclabili tramite il loro utilizzo nelle arti orafe, essi infatti sono utilizzati su anelli e gioielli; inoltre la struttura va a energia eolica e quindi consuma pochissimo. Insomma, la torre di Roosegaarde è una vera e propria macchina eco-sostenibile.
Il progetto, dopo anni di ricerca, è finalmente diventato realtà. La torre, alta 7 metri per 3 metri e mezzo, ha già preso forma a Rotterdam in Olanda e riesce a pressurizzare al suo interno uno smog di circa mille metri cubi a cristallo tramite campi di elettricità che attraggono polveri sottili. Questo gigantesco “aspirapolvere dello smog” può infatti depurare l’aria di un parco cittadino di medie dimensioni in un giorno.
L’idea ha fatto subito scalpore: Pechino, famosa per il suo inquinamento aereo, ha già richiesto l’introduzione di queste torri all’interno della città, ma si prevede però un aumento nella grandezza e nella velocità di questi ionizzatori a causa della grande presenza di smog nell’aria della famosa capitale cinese. La torre di Rotterdam è una prova piuttosto schiacciante di come sempre più spesso l’ingegneria e l’architettura del XXI secolo si stia mettendo a vantaggio dell’eco-sostenibilità unendo all’estetica del paesaggio soluzioni ai problemi di inquinamento che, ormai dallo scorso secolo, sono il vero pericolo che incombe su tutti noi.

Sofia Dezzi Bardeschi
Classe 1C – Liceo Classico Statale “Galileo” di Firenze