giornalisti-in-erba

Una vita diversa per Tengo

Vivo a Soweto, la più grande città nera del Sud Africa.
Abito in una piccola casa con tre fratelli e quattro sorelle nella zona riservata ai neri. Nella mia scuola non c’è nessun bianco e se mi ammalo sarò portato in un ospedale riservato alla gente del mio colore. Per noi la scuola non è obbligatoria. Le nostre classi sono sovraffollate e ci manca il materiale. Nelle scuole dei bianchi è tutto il contrario!
A 12 anni ho rubato per aiutare la mia famiglia. Sono stato messo in prigione per 8 mesi, frustato e bruciato con acqua bollente. Ne ho ancora i segni. È stato terribile…

Vivo a Soweto, la più grande città del Sud Africa.
Abito in una grande casa con tre fratelli e quattro sorelle. Nella mia scuola ci sono ragazzi di tutte le etnie e se mi ammalo sarò portato in un ospedale bello, accogliente e per tutti. Per noi la scuola è obbligatoria. Le nostre classi sono spaziose e accoglienti, non ci manca nulla!
A 12 anni ho ricevuto un premio per aver soccorso un mio compagno di classe. Mi sono trasferito in un altro paese per 8 mesi, ho conosciuto e frequentato nuovi amici. Ne ho ancora molti ricordi.
È stato bellissimo…

In corsivo riscrittura testo a cura di:

IANIERI DAVIDE – RICCHIUTI ANASTASIA – DE LELLIS ENRICO
CLASSE 2°C
SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO – CASOLI
ISTITUTO COMPRENSIVO “G. DE PETRA” – CASOLI – (CH)