tg - diregiovani

Nuova edizione del Tg di diregiovani

Nuova edizione del Tg di diregiovani.it

Contro le trivelle gli ambientalisti vogliono l’Election Day
Legambiente, insieme a diverse altre associazioni, ha tenuto un sit-in in piazza Montecitorio per chiedere al governo l’Election day: una data unica per votare per il referendum sulle trivellazioni e per il primo turno delle elezioni amministrative. Secondo Legambiente, infatti, accorpare in un’unica data le due votazioni è fondamentale per facilitare la partecipazione dei cittadini alla consultazione referendaria e “per evitare lo sperpero di circa 300 milioni di denaro pubblico che comporterebbero due giorni di voto separati”. “Non sprechiamo 300milioni, si accorpi la data del referendum sulle trivelle con quella del primo turno delle amministrative. L’Election day garantirebbe una maggiore partecipazione al voto, eviterebbe lo spreco di soldi pubblici e ci sarebbe più tempo per la campagna referendaria”. Con i soldi risparmiati, ha dichiarato la presidente nazionale di Legambiente Rossella Muroni, si potrebbero – ad esempio – realizzare gli interventi di messa in sicurezza dal rischio idrogeologico per la città di Genova”.

Due robot per la neuroriabilitazione al Bambino Gesù
Offrire la possibilità a bimbi con disabilita’ funzionali degli arti superiori di tornare ad afferrare e manipolare gli oggetti. L’ospedale pediatrico Bambino Gesu’ di Santa Marinella ha presentato questa mattina questi due robot per la riabilitazione motoria pediatrica che aiuteranno circa 100 bambini con disabilita’ ogni anno. Si tratta di macchinari di ultima generazione per il trattamento riabilitativo di patologie sia congenite che acquisite del sistema nervoso e del muscolo scheletrico. Arm-hand e’ dedicato alle mani, Wrist ai polsi, come da traduzione letteraria. Entrambi possono essere adattati ai pazienti durante la crescita e permettono ai medici di registrare i progressi dei piccoli pazienti. Alla conferenza stampa di presentazione dei robot erano presenti il presidente di Fondazione Roma, Emmanuele Emanuele, e il presidente dell’ospedale Bambino Gesu’, Marinella Enoc.

Produrre cibo in casa, arriva la Impact Farm
Produrre ortaggi in casa propria, anche in città. E’ il progetto di una start up danese che ha dato vita a Impact Farm, sistema di serre idroponiche che non richiede l’impiego di terra per produrre ortaggi e che risulta pienamente adattabilie ad ogni tipologia di superficie, cemento incluso. Composta da materiali interamente compostabili e alimentata mediante il ricorso a pannelli di tipo voltaico, Impact Farm richiede una quantità di spazio pari a soli 50 metri quadri per essere installata e può venire tranquillamente montata in autonomia in soli 10 giorni dalla sua ricezione. Per ora presente solo in Danimarca, Impact Farm è destinata ad approdare in tutta Europa

Dopo l’accusa di plagio Morricone querela i Subsonica
Dopo il polverone seguito al post dei Subsonica su Facebook, che denunciava la sospetta somiglianza tra le prime 4 note del brano “Tutti i miei sbagli” e la colonna sonora di Hateful Height firmata da Ennio Morricone, il compositore è passato al contrattacco. Il legale di Morricone ha infatti annunciato “urgenti azioni legali” dichiarando che: “Non v’è tra le due composizioni alcuna somiglianza o colleganza ispirativa”. Intanto sui social i fan dei Subsonica hanno sdrammatizzato ricordando alla propria band del cuore che l’anno di composizione delle musiche di “Hateful Eight” è il 1982. Si tratta infatti di tracce non utilizzate nel capolavoro horror “La Cosa” di John Carpenter e il cui lavoro è stato completato per Tarantino.

Sanremo, spunta l’insultometro Twitter. Vince Morgan
L’operatore di scommesse online, Paddy Power, sviluppando un proprio algoritmo, ha analizzato – nel corso della prima serata del Festival di Sanremo – dai 5000 ai 10000 tweet per ogni cantante, estrapolando una serie di dati statistici che hanno dato vita alla speciale classifica. In testa Morgan e i suoi Bluevertigo, il cui commento di uno dei tweet preso a campione, ben esprime l’apprezzamento di quel mondo di utenti che popola i social. D’altronde anche per il bookmaker non partivano certo da favoriti, dati a 30,00 volte la giocata come potenziali vincitori. Qualcuno dirà che è solo questione di gusti…ma la rete ha già dato il suo primo verdetto.